Il consiglio di Bobbio unito: “Qui medici d’emergenza e Manucra sia primario”

22 Ottobre 2022

Una quarantina di manifestanti si aduna in piazzetta Santa Chiara e poi sale in sala consiliare. Chi non ci sta – i posti sono venti – resta in corridoio ad ascoltare in silenzio. È un ordine del giorno piuttosto duro quello approvato all’unanimità a Bobbio dal consiglio comunale sull’ospedale: si chiede la presenza di medici dell’emergenza e strutturati al punto di primo intervento, aperto 24 ore, “integrando con importi extra il lavoro svolto”.

Si chiede poi la conclusione dei lavori, già finanziati, con l’intervento nella parte “nuova” dell’ospedale, la nuova camera mortuaria, il nuovo parcheggio, l’acquisto della Tac e il ripristino dell’organico a sette medici – da anni sono cinque – guidati dal dottor Antonio Manucra, che il consiglio chiede di promuovere a primario anziché direttore di struttura, “per l’ottimo lavoro svolto anche nel periodo Covid e per la grande sensibilità dimostrata”.

In consiglio comunale si è parlato anche del futuro dell’asilo nido, dell’ampliamento in corso alla vasca di rio Foino, delle assunzioni.

Oggi una pagina di resoconto del consiglio comunale su Libertà in edicola

© Copyright 2023 Editoriale Libertà