Centro per l’Impiego di Fiorenzuola, ok al progetto per la nuova sede

28 Ottobre 2022

La palazzina dell’”ex liceo”, in piazzale Taverna a Fiorenzuola

La Giunta Comunale di Fiorenzuola ha approvato il progetto esecutivo di potenziamento infrastrutturale della sede del Centro per l’Impiego di Fiorenzuola d’Arda, redatto dal Settore dei Lavori Pubblici del Comune con la collaborazione dell’Ingegnere Giuseppe Pighi. L’intervento nasce dall’accordo tra il Comune di Fiorenzuola d’Arda e l’Agenzia regionale per il Lavoro dell’Emilia-Romagna, che nei mesi scorsi ha approvato la proposta formulata dal Comune di ospitare presso i locali della palazzina – di proprietà comunale – dell’”ex liceo”, in Piazzale Taverna, la nuova sede del Centro per l’Impiego, previa l’effettuazione del necessario intervento di ristrutturazione dell’edificio. Attualmente la sede del Centro per l’Impiego di Fiorenzuola d’Arda si trova in via Boiardi.

Il costo totale dell’intervento sarà di 576 mila euro: in riferimento ai lavori che verranno eseguiti nei locali dove troverà sede il Centro per l’Impiego, e che verranno concessi in comodato d’uso gratuito alla Regione, l’importo verrà finanziato dalla Regione per il 90% e dal Comune di Fiorenzuola per il restante 10%. Lo stesso Comune finanzierà interamente, inoltre, l’intervento di restauro conservativo delle facciate della palazzina nella parte non destinata ad ospitare il Centro per l’Impiego.

I DETTAGLI SUI LAVORI
L’intervento complessivo è finalizzato a ristrutturare e rendere pienamente funzionali i locali interni, e restaurare totalmente la facciata dell’edificio; il progetto – messo a punto dall’Ingegnere Luigi Galantin e dall’Architetto Linda Gobbi, Tecnici Comunali – prevede l’adeguamento dei locali di una porzione del piano terra, individuati in base al fabbisogno e alle indicazioni fornite dall’Agenzia regionale per il Lavoro; il restauro delle facciate, con il risanamento e il restauro degli intonaci; la sostituzione di serramenti e oscuranti, e l’adeguamento degli impianti idrosanitari, elettrici, termici e di raffrescamento.

I lavori – si specifica nelle linee guida progettuali – sono mirati alla conservazione e al restauro di un’architettura di valore storico artistico e di valore identitario per la comunità locale, e al contempo al ripristino delle condizioni di decoro e miglioramento della fruibilità dell’edificio. Nel 2018 lo storico palazzo di piazzale Taverna – inaugurato nell’ottobre del 1891 e inizialmente adibito ad ospitare la scuola elementare cittadina – è stato dichiarato di interesse storico e artistico, dal Ministero dei Beni Culturali: il progetto di potenziamento strutturale ha già ottenuto l’autorizzazione da parte della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, per le province di Parma e Piacenza.

© Copyright 2023 Editoriale Libertà