Castel San Giovanni, al frantoio del Marcora spremuti 200 quintali di olive

16 Novembre 2022

L’assessore regionale alle politiche agricole Alessio Mammi ha fatto tappa a Castel San Giovanni dove ha incontrato gli studenti del Marcora dove si trova il frantoio della Val Tidone. Da ottobre a oggi il nuovo frantoio, acquistato grazie a una sinergia tra diverse realtà locali, ha già spremuto 200 quintali di olive di produttori locali. Se a questi ultimi vengono evitati lunghi viaggi, ai ragazzi viene offerta una nuova opportunità per affinare la loro professionalità.

“La forza del progetto – ha sottolineato la preside Teresa Andena – è che più persone, più enti si sono messi insieme per dar vita ad una filiera”. La “spinta” ad acquistare il macchinario è partita da tre realtà locali sulla base di un bisogno e cioè quello di spremere in loco il frutto di 30 mila piante di ulivo disseminate in vallata. Pro loco di Castello, LaValitidone e Casa Grande hanno quindi acquistato il frantoio mettendolo poi a disposizione della scuola. “Come Regione – ha detto Mammi – ci siamo presi l’impegno sostenere gli istituti tecnici agrari superiori. Entro fine legislatura troveremo risorse per sostenere iniziative come questa”.

L’articolo su Libertà in edicola.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà