Hospice: il ricovero del papà e la scelta di correre 23 ore per raccogliere fondi

17 Novembre 2022

Ha raccolto 1.800 euro per l’hospice di Borgonovo correndo senza mai fermarsi per 23 ore. Giulio Brusamonti, al termine della sua sfiancante avventura al mondiale a squadre “L’ultimo Sopravvissuto” tenutosi a Castellaneta Marina, è riuscito a raccogliere 1.800 euro che ora ha consegnato agli Amici dell’hospice. Il ventottenne ingegnere chimico di Borgonovo, nonché atleta di ferro specializzato in backyard ultra (corsa a oltranza senza mai fermarsi), ha corso avendo in testa solo la voglia di superare i suoi limiti e di aiutare chi soffre. La somma è stata consegnata alla presidente degli Amici dell’hospice, Ilaria Luppini, e ai volontari che sostengono la casa per le cure palliative di Borgonovo. “Per resistere in uno sport così duro – dice Brusamonti – conta molto la motivazione, la forza interiore, la fiducia”. La scelta di devolvere i fondi all’hospice è venuta dopo il ricovero nel 2018 del padre, Alberto, nella struttura borgonovese.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà