Vareniki e pollo alla Kiev: menù della pace nelle mense delle scuole di Piacenza

17 Novembre 2022

 

Menù della pace nelle scuole piacentine per celebrare la prima giornata dedicata agli alunni ucraini. Nel menu i tipici Varenyky, pollo alla Kiev, verza cruda e sochniki, per omaggiare la cultura gastronomica del Paese.

Anche gli assessori alle Politiche Educative e alle Pari Opportunità, Mario Dadati e Serena Groppelli, hanno assaggiato le specialità ucraine – insieme al consigliere comunale e pediatra Giuseppe Gregori, all’ala di terza linea della Sitav Rugby Lyons Luca Petillo, alla dietista Monica Maj, alle referenti comunali e di Cirfood – con insegnanti e alunni della primaria Caduti sul Lavoro.

“Questa occasione speciale – sottolineano gli assessori Groppelli e Dadati – ci ha portati a condividere con i bambini l’idea del cibo e dell’alimentazione come veicolo per accostarsi alla cultura e alla storia di un popolo, in un viaggio ideale. Quale simbolo più efficace, nel nome dell’accoglienza e della fraternità, di un pasto consumato insieme? E’ così che, nel rendere omaggio all’Ucraina attraverso il menu dedicato, abbiamo voluto ribadire un messaggio di speranza e di solidarietà, che nel valorizzare i prodotti tipici di una Nazione oggi devastata dalla guerra ci facesse riflettere sul sull’importanza di aprirsi sempre al dialogo e alla reciproca conoscenza tra i popoli. A partire dalla genuinità della cucina”.

I Varenyky sono il piatto più consumato in Ucraina: ravioli a forma di mezzaluna, con un ripieno solitamente di patate che contempla, però, variazioni fino a 50 tipi di diversi (dai funghi alle ciliegie, dalla verza al formaggio), normalmente serviti con diversi tipi di salse, di cui la più usata è la panna acida (smetana), ma anche con burro fuso e cubetti di pancetta o salsa di funghi, per citare alcuni esempi tra i più comuni.

I sochniki sono, invece, dolcetti ripieni di ricotta: mezzelune di sfoglia a base di burro e farina, farcite con una crema leggera di ricotta e scorzetta di limone, cotti in forno, originariamente per le occasioni speciali come Natale e Pasqua.

Gli ingredienti più diffusi nella cucina popolare ucraina, ispirata alla semplicità e a porzioni abbondanti legate all’ospitalità, sono funghi, barbabietole e verdura, con accostamenti a volte contrastanti e all’apparenza azzardati, che proprio nell’abbinamento tra sapori diversi trova il suo fascino.

Considerata il paniere d’Europa per la sua grande produzione di frumento, l’Ucraina presenta una grande varietà nella produzione di pane, ma sono molto diffuse anche le torte e i dolci ricoperti di miele. La cucina del Paese è ricca anche di carboidrati, speziata e aromatica, con uso abbondante di menta, mostarda, pepe, aneto, prezzemolo e cannella. Accanto alla carne, pietanza di base, sono spesso in tavola patate, verdure, funghi, frutta e panna acida, oltre all’immancabile pane.

 

 

© Copyright 2023 Editoriale Libertà