Vernasca “in stile antico” con la Filarmonica Toscanini e il flautista Marco Zoni

16 Giugno 2022

Grande successo per il concerto “In stile antico” – inserito nel prestigioso calendario del Festival Toscanini 2022 – che si è tenuto venerdì 10 giugno scorso a Vernasca.

Il suggestivo scenario dell’Antica Pieve Romanica è stata l’emozionante cornice di una straordinaria serata di musica che ha visto protagonisti la Filarmonica Arturo Toscanini, una delle maggiori e più dinamiche istituzioni musicali italiane, con Marco Zoni, primo flauto del Teatro alla Scala di Milano, diretti dal bravissimo Sasha Yankevich, Premio Speciale della stessa Filarmonica Arturo Toscanini nella XI edizione del Concorso Internazionale di Direzione d’Orchestra “Arturo Toscanini”.

A introdurre l’evento sono stati il sindaco di Vernasca Giuseppe Sidoli, il nuovo presidente del CPAE (Club Piacentino Automotoveicoli d’Epoca) Claudio Casali e il Sovrintendente e Direttore Artistico della Fondazione Arturo Toscanini Alberto Triola.

Da Ottorino Respighi (Antiche danze ed arie per liuto, terza suite) a Gustav Mahler (Bach Suite, trascrizione della Suite n. 2 in si minore BWV 1067), fino a Maurice Ravel (Le Tombeau de Couperin), le musiche eseguite a Vernasca hanno conciliato tradizione e capacità di stupire.

La scelta del programma è infatti andata – con gusto raffinato e apprezzabile originalità – verso musiche in parte più note e in parte volutamente meno note al grande pubblico, ma comunque in grado di dialogare (da secoli diversi) con l’Antica Pieve Romanica: una meraviglia medievale che alla forza della musica e alla ben nota qualità dei musicisti e del direttore, e alla loro perfetta sintonia, ha aggiunto la bellezza del luogo e l’emozione di un tramonto da cartolina, in un arcobaleno di colori che ha poi lasciato spazio a un concerto premiato da un meritato e convinto applauso finale.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà