Nuove tariffe per i servizi idrici, il consiglio di Atersir decide il 7 marzo

11 Febbraio 2013

Rimane ancora in sospeso la decisione di Piacenza sull’adeguamento tariffario per il servizio idrico richiesto da Iren. L’ufficio di presidenza allargato di Atersir – Agenzia territoriale dell’Emilia Romagna per i servizi idrici e i rifiuti – si è riunito questa mattina in Provincia, alla presenza del presidente della Provincia Massimo Trespidi, dei sindaci, degli esponenti di Atersir Piacenza, del direttore dell’Agenzia Vito Belladonna e dei consulenti legali di Atersir. Sul tavolo ancora una volta la decisione sull’aumento tariffario e la valutazione su una diversa futura gestione del servizio idrico piacentino. Bocce ferme, dunque, sul tema dell’adeguamento tariffario, in vista dell’imminente riunione del Consiglio locale di Atersir, in programma per giovedì 7 marzo. “In quell’occasione – ha illustrato il presidente della Provincia Trespidi – tutti i sindaci piacentini saranno chiamati ad esprimere il proprio parere in merito all’avvio delle procedure per il nuovo affidamento della concessione e sulla possibilità di cambiare rotta in merito ad un differente modello di gestione del servizio idrico. Ritengo scandalosa e volgare la risposta che Iren ha fornito alla lettera inviata dalla Provincia il 21 novembre scorso. Risposta che, nei fatti, conferma la non volontà di Iren di procedere con gli investimenti promessi”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà