Piano contro la crisi: disoccupati potranno “aiutare” i comuni

29 Maggio 2014

Giovani al lavoro

Ammonta a 500mila euro il “tesoretto” messo a disposizione dalla Provincia a sostegno del lavoro. L’intervento si somma ai 650mila euro già previsti nell’assestamento di bilancio di novembre. Cinque gli interventi: il primo (250mila euro) riguarda coloro che sono a rischio espulsione dal mercato del lavoro (lavoratrici over 35 e lavoratori over 40 in difficoltà, o persone con più di 50 anni, ad esempio); il secondo, da 150mila euro, prevede contributi per la stabilizzazione di giovani dai 29 ai 34 anni; per l’assunzione a tempo determinato di lavoratori ultra ventinovenni sono previsti 190mila euro, mentre per il lavoro accessorio negli enti locali (voucher ai comuni per attività quali manutenzione edifici, lavori di giardinaggio) sono previsti 30mila euro. Infine, per i lavori socialmente utili nei comuni, sono stanziati altri 30mila euro.

I Comuni, attraverso gli ultimi due interventi, potranno utilizzare contributi per affidare lavori occasionali e accessori a lavoratori in cassa integrazione, in mobilità, o che ricevono indennità di disoccupazione. L’iniziativa si rivolge a chi proviene da situazioni di crisi aziendali. “Convocherò a breve tutti i sindaci del territorio per impostare il percorso” ha annunciato il presidente Massimo Trespidi.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà