Regionali 2020

Oggi silenzio elettorale, domani si vota. I piacentini chiamati alle urne sono 228mila

25 gennaio 2020

Dopo settimane di serrata campagna elettorale, oggi è giorno di silenzio elettorale, in vista del voto regionale di domenica 26 gennaio in Emilia Romagna. Sette i candidati a presidente, che secondo l’ordine di comparizione sulla scheda elettorale sono:

Marta Collot,nata a Vittorio Veneto (Tv) il 7/7/1993 sostenuta da Potere al Popolo (nel piacentino non ha liste a sostegno);
Lucia Borgonzoni, nata a Bologna il 18/9/1976, sostenuta da cinque liste del centrodestra (Forza Italia, Giovani per l’Ambiente, Lega, Fratelli d’Italia, lista civica Borgonzoni Presidente);
Simone Benini , nato a Cesenatico (Fc) il 2/11/1970, (Movimento Cinque Stelle);
Laura Bergamini, nata a Parma il 14/5/1960, sostenuta dal Partito Comunista (nel piacentino non ha liste a sostegno);
Stefano Bonaccini, il governatore uscente, nato a Modena l’1/1/1967, sostenuto da sei di centrosinistra (Volt Emilia-Romagna, Europa Verde, Pd, la lista civica Bonaccini Presidente, +Europa (che raccoglie anche Pri e Psi), Emilia-Romagna Coraggiosa);
Domenico Battaglia, nato a Palermo il 10/7/1973, (Movimento 3V-Vaccini Vogliamo Verità);
Stefano Lugli, nato a San Giovanni in Persiceto (Bo) l’11/10/1974, (L’Altra Emilia-Romagna).

ELETTORI – Gli elettori regionali chiamati alle urne sono oltre 3,5 milioni: 1.704.295 sono uomini e 1.804.037 le donne. Nel Piacentino gli elettori totali sono 228.054 ripartiti in 303 sezioni (107 nella sola Piacenza): 111.046 uomini e 117.008 donne.

VISUALIZZA L’ELENCO COMPLETO

COME SI VOTA –  L’elettore deve presentarsi al seggio con un documento di identità valido e la tessera elettorale. Chi non ha la tessera o l’ha smarrita può richiederla all’ufficio elettorale del comune di residenza. Per quanto attiene la modalità di voto, ciascun elettore può:
– votare a favore solo di una lista tracciando un segno sul contrassegno; in tale caso il voto si intende espresso anche a favore del candidato presidente della Giunta regionale a essa collegato;
– votare solo per un candidato alla carica di presidente della Giunta regionale tracciando un segno sul relativo rettangolo;
– votare per un candidato alla carica di presidente della Giunta regionale, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle liste a esso collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste;
– votare disgiuntamente per un candidato alla carica di presidente della Giunta regionale, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle altre liste a esso non collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste.

L’elettore può esprimere nelle apposite righe della scheda, uno o due voti di preferenza per un candidato a consigliere regionale, scrivendo il cognome (o il cognome e nome) del candidato o dei due candidati compresi nella stessa lista. Nel caso di espressione di due preferenze, esse devono riguardare candidati di sesso diverso della stessa lista, pena l’annullamento della seconda preferenza.
Dal sito della Regione Emilia Romagna il video che spiega le modalità di voto.

SPOGLIO – Lo spoglio inizierà subito dopo la chiusura dei seggi. Potrete seguirlo in diretta su Telelibertà in diretta dalle 23 di domenica. Dalle 7.30 di lunedì edizione straordinaria del Tgl con tutti i risultati e i commenti.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Economia e Politica Provincia