Piano regionale per le crisi idriche, in arrivo opere per 895mila euro nelle vallate

21 Ottobre 2021

Ammontano a 895mila euro i fondi messi a disposizione dalla giunta regionale per la realizzazione di opere idrauliche nel Piacentino.

Cambiamento climatico, rischio siccità e risparmio della risorsa acqua sono i cardini del nuovo piano della Regione Emilia-Romagna per affrontare le crisi idriche. Obiettivo: ottimizzare le reti di distribuzione dell’acqua per risparmiare risorse, garantire i rifornimenti ai serbatoi per la fornitura idrica con autobotti, migliorare tubazioni e condotte di collegamento.

Il piano è realizzato dall’Agenzia regionale per la protezione civile e Atesir Emilia-Romagna con la collaborazione delle Amministrazioni comunali e dei gestori dei servizi essenziali. Complessivamente il piano potrà contare su risorse per 2 milioni e 800mila euro che permetteranno di realizzare 14 interventi nelle province di Piacenza, Parma, Modena e Bologna.

Le nuove opere saranno realizzate proprio grazie alle economie, ossia ai risparmi di spesa, sui cantieri portati a termine per superare le criticità causate dalla crisi degli approvvigionamenti di acqua all’agricoltura e alla popolazione.

Gli interventi in programma nel Piacentino

Nel Piacentino, a Castell’Arquato nella frazione di Partitore saranno concluse le opere sulla rete di distribuzione Castell’Arquato/Lugagnano/Vernasca/Gropparello con risorse pari a 160mila euro.

Anche a Fiorenzuola D’Arda in via Dieci è previsto il completamento dell’intervento sulla rete di distribuzione Fiorenzuola/Castell’Arquato finanziato con 190mila euro.

A Lugagnano uno stanziamento di 70mila euro garantirà i lavori sull’ impianto di rilancio Rustigazzo e sulla rete di distribuzione, mentre altri 75mila euro andranno ad un analogo intervento a Castel San Giovanni sull’impianto di rilancio Moretta.

A Ziano Piacentino in Alta Val Tidone vanno 200mila euro per opere sulla tubazione di interconnessione tra il serbatoio Pizzofreddo a Ziano e in località Tassara a completamento di un intervento sulla rete di distribuzione. Sempre in Alta Val Tidone altri 200mila euro saranno impiegati sulla rete di Pecorara con un intervento sulla tubazione di interconnessione tra il serbatoio Costalta e località Casa Rossa.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà