In Provincia l’ultimo consiglio prima del voto. “Servono fondi per i ponti”

22 Settembre 2022

Via libera al piano 2022-2029 per la manutenzione straordinaria delle strade provinciali. All’apparenza il budget è notevole – 11 milioni di euro – ma, conti alla mano, le necessità tecniche vanno ben oltre. “Solo i lavori di sistemazione dei ponti di Travo e Tuna ammonterebbero a dieci milioni di euro, senza tralasciare i restanti novecento chilometri di strade”, conferma Davide Marenghi, dirigente del servizio alla viabilità.

Oggi, intanto, il consiglio provinciale ha approvato la ripartizione e l’utilizzo di questa tranche di fondi. Lo ha fatto nell’ultima seduta prima delle elezioni di sabato 24 settembre per il rinnovo del vertice di corso Garibaldi, con voto ponderato tra gli amministratori locali del territorio. Dall’aula è arrivato un in bocca al lupo alle candidate Paola Galvani e Monica Patelli: la prima, sindaco di Rottofreno, in rappresentanza del centrodestra, la seconda, sindaco di Borgonovo, per il centrosinistra.

“PROVINCIA FUORI DALL’ASP” – Il consiglio provinciale ha dato l’ok al bilancio consolidato che riguarda le società partecipate. “La presenza di quote della Provincia nell’Asp Città di Piacenza non ha motivo di proseguire – interviene il presidente Franco Albertini – occorre richiedere l’uscita dalla società”. A far discutere è stata anche la mancata adesione dell’ente di corso Garibaldi all’aumento di capitale in Piacenza Expo, come puntualizzato da Lodovico Albasi. “In base alla perdita di competenze della Provincia – ribatte Albertini – abbiamo ritenuto di non investire altre risorse”.

“STUDENTI LASCIATI A PIEDI” – Patrizia Calza segnala “forti criticità sul trasporto pubblico locale con la ripartenza delle lezioni, ad esempio da piazza Cittadella a Gragnano e Agazzano. Occorrono mezzi aggiuntivi”. Galvani, consigliere con delega all’istruzione, spiega che “il monitoraggio è in corso e il rinforzo dei pullman è già stato effettuato su alcune tratte. Dopo l’introduzione della gratuità del trasporto pubblico per gli studenti con Isee basso, voluta dalla Regione, gli utenti sono aumentati in modo evidente. Ecco spiegata l’esigenza del potenziamento”.

“Dopo il terremoto a Genova controlli alla diga di Brugneto” – Albasi ha detto di avere ricevuto sul telefonino la notizia di urgenti e necessari controlli sulla diga del Brugneto dopo la prima scossa di terremoto di magnitudo 4.2 con epicentro a Est di Bargagli, in Valbisagno, e la successiva di magnitudo 2.6 alle 17:32, quando cioè l’assemblea era in corso da mezz’ora in corso Garibaldi. “Speriamo le verifiche portino a esiti rassicuranti per la Valtrebbia”, ha detto il consigliere.

“Riaprire alla palestra” – Via libera anche alla convenzione tra Provincia e Comune di Bobbio per l’uso dell’ex seminario come sede della scuola superiore “San Colombano”. Sul tema è intervenuto il consigliere Federico Bonini: “Ho frequentato quella scuola, la difenderò sempre, ne conosco bene il valore, anche se come è già emerso in consiglio a Bobbio resto scettico sul progetto di realizzare lì un campus. Intanto faccio appello perché l’edificio continui ad ospitare quelle attività extra scolastiche che qui hanno trovato sede negli anni, come la palestra”.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2022 Editoriale Libertà