A Lugano con le criptovalute si potranno presto pagare tasse e servizi

08 Marzo 2022

Creare un hub tecnologico per puntare sulle blockchain e le criptovalute, che diventeranno la moneta per pagare tasse e servizi. È il progetto che ha presentato l’amministrazione della città svizzera di Lugano, in collaborazione con Tether.
“Lugano Plan B” di Luxochain permetterà ai cittadini di pagare imposte, tasse e qualsiasi tributo pubblico, per beni e per tutti i servizi erogati, tramite Bitcoin, Tether o stablecoin basate sul franco svizzero.
A ciò si aggiunge la volontà di integrare Lightning Network, un sistema di pagamento diffuso.
“Come principale stablecoin a livello mondiale, immaginiamo un futuro in cui le imprese di tutte le dimensioni saranno in grado di sfruttare le piattaforme blockchain (registri digitali crittografati) per migliorare la qualità della vita dei cittadini a livello locale, fornendo servizi finanziari e quotidiani più sostenibili, trasparenti e affidabili”, ha dichiarato Paolo Ardoino, cto di Tether.
Ma la collaborazione punta anche alla creazione di un hub specializzato situato in centro città per ospitare aziende e start up, facilitandone l’insediamento e la conduzione delle attività quotidiane, e che possa fungere da catalizzatore per tutto ciò che riguarda la blockchain.
Lugano mira, dunque, a diventare una casa per la comunità crypto. “Negli ultimi anni, abbiamo già implementato soluzioni basate su blockchain, tra cui l’app MyLugano e il suo token di pagamento Lvga Points, il franco digitale di Lugano, oltre all’infrastrutturacripto blockchain cittadina “3Achain”. Crediamo fortemente in questa tecnologia e il suo potenziale di scalabilità”, ha detto Michele Foletti, sindaco di Lugano.

[email protected]

Il sindaco di Lugano, Michele Foletti, durante la presentazione di Lugano Plan B di Luxochain

© Copyright 2022 Editoriale Libertà