Lutto nel mondo del canottaggio, se ne è andato Francesco Solenghi

16 Gennaio 2013

E’ una giornata molto triste per la società Vittorino da Feltre. Se ne è andato ieri sera dopo aver combattuto contro una malattia, Francesco Solenghi. Domani avrebbe compiuto 51 anni. “Era il cuore della Vittorino – ha detto il presidente Sandro Fabbri – è grazie a lui se la nostra società è arrivata ad essere la prima in Emilia e la 12esima in Italia”. Dopo una lunga e brillante carriera agonistica iniziata alla Nino sotto la guida tecnica di Vercesi – e in cui spiccano il titolo di campione italiano universitario del 1989 e varie partecipazioni agli italiani con una medaglia d’argento nel quattro di coppia conquistata nel 1995 – Francesco Solenghi aveva deciso di mettere la sua passione e la sua competenza sportiva al servizio dei giovani. Superati brillantemente le prove e gli esami per diventare tecnico federale, Solenghi aveva iniziato nel 1997 ad allenare la squadra di canottaggio della Vittorino insieme a Franco Valisa fino a diventarne, nel 2004, responsabile del settore tecnico con Filippo Mori al settore giovanile. “Ero particolarmente legato a lui – ha aggiunto Fabbri – la nostra società non dimenticherà mai la sua persona e continueremo a ricordarlo con iniziative ed eventi” Francesco Soleghi lascia la moglie e due figli. L’ultimo atto di generosità è stato la donazione delle cornee.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà