Giorgia Bronzini: “Ho ancora più grinta. Ai mondiali di Toscana daremo lustro all’Italia”

13 Agosto 2013

“Non mi aspettavo di fare strage di vittorie, ma se mi si punzecchia un po’ divento ancora più grintosa”. Giorgia Bronzini, reduce dai sei successi alle sette gare della Route de France, si racconta a Telelibertà. A chi la vedeva già sul viale del tramonto, compiuti i 30 anni, la campionessa piacentina ha risposto con i risultati: “Dopo la terza tappa vinta era un susseguirsi di battute, ma, scherzi a parte, ho dimostrato che in volata ero nettamente la più veloce”.

Tanti i messaggi dei piacentini che l’hanno accolta al ritorno a casa: stamattina sono state le nostre colline ad ospitare il suo allenamento, ma la voglia di Piacenza si accende anche davanti a un piatto di tortelli e alla nostra coppa, che – confessa – si è concessa ieri a tavola. E sui Mondiali di Toscana, che sembrano studiati per le caratteristiche della sua rivale di sempre, Marianne Vos, Giorgia non ha dubbi: “Dovremmo cercare di isolarla; per quel che mi riguarda è un percorso duro, ma il mondiale è una gara a sé. Saremo grintose e combattive perché in Italia dovremo dare lustro alla nostra nazione”.

Breve la permanenza a casa di Giorgia, che già a Ferragosto volerà in Svezia per la Coppa del Mondo su strada.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà