Piacenza, Colombo è biancorosso. Viali alle prese con la “grana” Pani

06 Settembre 2013

20130906-192503.jpg

La casa del Piacenza apre finalmente i battenti e domenica alle 15, il Garilli sarà il palcoscenico della seconda fatica di campionato. C’è il Gozzano sulla strada dei biancorossi, chiamati a fornire risposte più convincenti rispetto a quanto visto a Seregno.
Partiamo però dall’attualità: come annunciato ieri, Michele Colombo è a tutti gli effetti un giocatore del Piacenza. Il centrocampista esterno di scuola Atalanta, lo scorso anno in forza all’Asti, ha convinto tutti.
“Si tratta di un giocatore forte fisicamente e anche tatticamente è preparato – ha detto William Viali ai nostri microfoni -; d’altronde proviene da una scuola come quella atalantina, un’autentica fucina di talenti”.
Come abitudine, nulla lascia trapelare l’ex capitano della Fiorentina, ma potrebbero esserci novità dal punto di vista tattico. La questione giovani complica non poco la vita all’allenatore alle prese anche con il difficile inserimento di Claudio Pani: la giusta alchimia tattica è ancora tutta da trovare. E con un Bovi sempre più padrone della nuova realtà, per la star del mercato estivo, è giunto il momento di dimostrare sul campo ciò di cui è capace.
“Ho già parlato più volte di Pani, di come sia necessario attenderlo: sappiamo quel che può dare e lo farà presto. La formazione? Non ho ancora deciso, ma occhio al Borgomanero: squadra rapida che può mettere in difficoltà chiunque”.
Formazione rompicapo quella che potremmo ipotizzare guidati dal sentore di un ritorno alla difesa a tre, dunque con Di Leo dal primo minuto. Un modulo che anche a Seregno ha esaltato le qualità di Volpe e soci. E proprio l’ex Livorno sarà senza dubbio in campo sin dall’avvio. Davanti, la sola certezza è rappresentata da De Vecchis: anche da lui ci si attende tantissimo e, viste le potenzialità, non solo in fatto di gol.
Ciò che invece è certo, è che al Garilli gli spettatori supereranno le mille unità: la campagna abbonamenti vive le ultime ore durante le quali la dirigenza spera di raggiungere quota 1500.
“A Seregno il clima era surreale: credo che nemmeno alcune società di serie B possano vantare un simile seguito lontano dalle mura amiche” chiude il tecnico del Piace.
E proprio per stimolare ancor di più il tifo, domani a mezzogiorno la squadra sarà presente al gran completo per una vera e propria sfilata nelle vie del centro storico. L’operazione simpatia prosegue.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà