Calcio, serie D: -5 alla resa dei conti tra Piace e Pro. Tifo in fermento

04 Febbraio 2014

20140204-185840.jpg

Cinque giorni separano la città dal super derby tra Piacenza e Pro Piacenza, ma la gara dell’anno, per le due primedonne della serie D, è già partita. Tra gli sportivi di casa nostra, tiene ovviamente banco quella che, a tutti gli effetti, può essere considerata una resa dei conti definitiva.

Il Pro Piacenza, pur privo del suo uomo faro, Cazzamalli, cercherà in ogni modo di chiudere in anticipo i “giochi scudetto”: per farlo, la banda di Franzini potrebbe contare su due risultati su tre. Tutt’altro discorso per i cugini biancorossi, rivitalizzati dalla cura Viali ma che, a 13 gare dal termine, non possono rinviare ulteriormente l’avvio della rimonta impossibile.

Abbiamo operato un mini-sondaggio tra i piacentini, molti dei quali proprio, domenica prossima, per la grande occasione torneranno ad affollare le tribune del Garilli. C’è anche chi nutre un sentimento di distacco verso una gara che “non può essere paragonata a quella con la Cremonese: soltanto quella è vero derby” sentenzia senza dubbi un tifoso biancorosso.
Derby o no, domenica prossima alla stazione del Garilli, per il Piace transita l’ultimo treno utile per cercare di avvicinare la formidabile capolista Pro Piacenza.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà