Champions League, furia tartara al Palabanca. Copra Elior sconfitto

06 Febbraio 2014

20140206-210754.jpg

Il parziale si apre con il giallo a Sivozhelez, autore di una reazione eccessiva nel finale di set precedente. Kazan, però, non si scompone e continua a stare in cattedra (10-6 e time out Monti). A questo punto, il Copra Elior si sveglia con un tris di muri e l’ace di Papi per il 10-10. A dare ulteriore scossa, è ancora Simon: primo tempo nel metro e mezzo e muro a uno per il sorpasso: 13-12, che diventa +1 con un’invasione fischiata a Kazan. Time out, poi Piacenza va di nuovo sotto: 16-18 e poi cede 25-22.
Il Copra Elior (con Tencati in campo) subisce psicologicamente e dopo il cambio di campo va subito sotto 4-0 con il doppio ace di Anderson. Time out Monti, ma Kazan allunga ulteriormente (6-0). Per Piacenza, la strada si fa in salita, anche perché si continua a subire in ricezione (ace per il 5-11). Vettori regala il -3 al Copra Elior (10-13), poi Piacenza si riavvicina fino al -1 a firma di Kaliberda (18-19). Ancora una volta, però, è il turno in battuta di Anderson a vanificare tutto: doppio ace per il 22-18, preludio al 25-22.

Primo set – Pubblico da Champions al Palabanca dove si stanno sfidando Copra Elior e Kazan. Piacenza parte bene (2-0), poi va sotto 6-8. Kazan spinge sull’acceleratore in battuta e trova il +4 (16-12). Dentro Tencati per Fei al centro, poi il Copra Elior si rifà sotto: bordata di Simon per il 19-20 e time out russo, ma lo show del cubano prosegue per il sorpasso locale (21-20). Si arriva in volata. Kazan risorge con l’ace di Mikhailov (21-22) e con un muro di Apalikov su Simon, poi chiude 25-23 con Anderson che supera il muro a 3 di Piacenza.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà