Save the volley: stasera l’incontro. Champions, 13 giorni per iscriversi

07 Maggio 2014

Palabanca vuoto

Salvare la pallavolo a Piacenza. E’ la missione al centro dell’atteso confronto pubblico in programma questa sera in Sant’Ilario. I tifosi del Copra Elior vogliono parlare del futuro della squadra maschile, più che mai incerto dopo la decisione del presidente Guido Molinaroli di mettere sul mercato a costo zero la squadra che quest’anno ha sollevato la Coppa Italia. Molinaroli lascia e i Lupi biancorossi vogliono capire se ci sarà qualcuno interessato a raccogliere la sua eredità. Stasera sono attesi all’incontro il sindaco di Piacenza Paolo Dosi, l’assessore allo sport Giorgio Cisini, oltre allo stesso Molinaroli. Dovrebbero intervenire inoltre Cristian Camisa e Andrea Paparo di Confapi, l’assessore provinciale Maurizio Parma, mister Luca Monti e alcuni giocatori del team che negli ultimi 11 anni ha dato lustro alla città in Italia e all’estero. La serata, con inizio alle 21, ha l’ambizione di sensibilizzare gli imprenditori interessati a farsi avanti per sanare la situazione, ma sarà anche l’occasione per capire se sia reale l’ipotesi della cessione dei diritti. Nodo centrale del confronto in Sant’Ilario sarà infine il Palabanca: il Copra Elior è proprietario della struttura fino al 31 dicembre 2017 . A chiedere garanzie, oltre ai tifosi, è il presidente onorario della Rebecchi Nordmeccanica Antonio Cerciello, il quale ieri ha minacciato di non iscrivere al prossimo campionato nemmeno la plurititolata squadra del volley rosa se non riceverà a breve risposte certe sull’impianto in cui poter giocare. “Non ho sentito Cerciello” dichiara Molinaroli, che stasera “si augura di non assistere a un rosario”. I tempi sono molto stretti: se per il campionato si può attendere fino a metà giugno, il 20 maggio scadrà il termine per iscrivere il Copra Elior alla Champions.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà