Piace, secondo posto: ultima chance.
De Paola: “Non penso alla riconferma”

28 Marzo 2015

Piacenza Calcio Jolly Montemurlo per P.Gentilotti (FotoDELPAPA)  DE PAOLA

Piace con l’elmetto in versione da battaglia oppure i biancorossi proveranno a giocarsela a viso aperto anche con lo spauracchio Correggese? Difficile capire quali possano essere i piani di mister De Paola anche se ipotizzare un Piacenza in versione Rimini, dunque con la chiara intenzione di portare la sfida sul piano della lotta, pare la strada più percorribile. De Paola conosce la forza dell’avversario e sa bene che presentarsi al Borelli in versione zemanlandia potrebbe significare vero suicidio.
“Sarà una partita complicata e lo sappiamo bene – ha detto “il Pirata” – e voglia affrontarla con lo spirito che ci sta contraddistinguendo in quest’ultimo periodo. Solo così potremo ambire ad un risultato di prestigio”.
Di certo la sconfitta di misura di Rimini e soprattutto la vittoria casalinga con il Thermal Abano hanno fornito certezze ulteriori al gruppo biancorosso, nonostante il secondo tempo disputato con i veneti, avesse irritato non poco il tecnico calabrese.
“La rabbia è stata smaltita immediatamente e con i ragazzi abbiamo parlato a lungo di quei secondi 45 minuti: credo che la lezione, soprattutto ai più giovani, sia servita e non si ripeteranno più cali di tensione di quel genere”.
Non sarà della partita Di Maio ma rientra al centro della difesa Colicchio dopo la squalifica, mentre sarà ballottaggio a sinistra tra Zagnoni e Cifarelli per una maglia da titolare. Per il resto non sembrano profilarsi novità particolari in una sfida che potrà dire tantissimo in ottica futura.
“Affrontiamo una delle squadre più in forma e più attrezzate del torneo, ma sappiamo bene che passa l’ultimo treno per arrivare al secondo posto. Contiamo di salirci. La mia riconferma? E’ l’ultimo dei pensieri in questo momento: sono abituato che nel calcio è meglio fare i fatti e sprecare poche parole”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà