La Bakery non si arrende. I Sorokas a caccia di due obiettivi impossibili

09 Aprile 2015

Bakery Basket (8)

L’hashtag ufficiale è #riempiamoilpalabakery. Per i meno tecnologici e avvezzi alle diavolerie dei social network, il club di Marco Beccari chiama a raccolta il proprio pubblico per l’ultimo impegno interno della stagione regolare. Sabato con Scafati (ore 21), in palio due punti che significherebbero la possibilità di credere ancora nel miracolo chiamato salvezza. Per Marco Sodini, la prima esperienza in panchina da primo allenatore, comunque vada, può essere archiviata in maniera positiva. La Bakery degli ultimi mesi, quella post partenza dei gioielli slavi, nonostante gli infortuni in serie, ha saputo trascinare il pubblico che non si è fatto scoraggiare da un’ultima piazza quanto mai scomoda.

E in questo finale con una rosa ridotta ai minimi termini, sono emersi gli uomini di carattere, vedi Gasparin, Infante e Stefanini, oltre alla classe pura di due puledri che paiono ormai in rampa di lancio come Milo Galli e Paulius Sorokas. Proprio per quest’ultimo, la domanda è d’obbligo: più facile arrivare alla salvezza con la Bakery o che la sorella Indre ottenga il tricolore con la Nord meccanica Rebecchi? “Con un pizzico di fortuna, tutto è possibile” la risposta del lituano, grande scoperta in questa Bakery dura a morire.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà