Pro, sotto con il primo round. Speziale: “Dimostreremo di che pasta siamo fatti”

23 Maggio 2015

pro piacenza

Finalmente sarà il campo ad emettere verdetti che, seppur parziali, per almeno 90 minuti, spingeranno lontano i pensieri funesti di due settimane in cui è successo di tutto. Dopo il nuovo scandalo scommesse, con decine di club coinvolti, e a soli due giorni dal verdetto emesso dal Coni che ha ridisegnato le griglie play out a poche ore dagli scontri decisivi, il Pro Piacenza si rituffa nel clima partita. Oggi con il Forlì, anziché il Gubbio come previsto inizialmente, ci si gioca una prima, enorme, fetta di salvezza. Scenari folli disegnati da un calcio sempre più alla ricerca di se stesso, per una squadra che, stando a quanto visto oggi al campo di strada Valnure, arriva nel momento cruciale della stagione in buone condizioni. Sia psicologiche che fisiche.
“La settimana non è stata poi tanto diversa dalle altre – ha detto Franzini -: sappiamo che si deciderà tutto nell’arco di 180 minuti e quindi non andremo certo all’arrembaggio. E’ dall’inizio della stagione che ogni partita è decisiva, dunque da questo punto di vista non credo che i giocatori accuseranno troppo l’emozione per l’appuntamento”.
Inevitabile che con il tecnico di Vernasca il discorso scivoli su argomenti spinosi sui quali però Franzini pare avere le idee chiare.
“Sarebbe forse ora di inasprire le pene per chi commette questo genere di nefandezze. Il calcio pare essere entrato in un vortice dal quale è davvero difficile uscire”.
Sarà ancora una volta David Speziale l’uomo sul quale fare affidamento in attacco per trasformare in oro il lavoro dei vari Matteassi e Alessandro. E il centravanti scuola Milan pare già essere in pieno clima partita.
“Ho letto alcune dichiarazioni degli avversari – ha detto il bomber brianzolo -: ci considerano una squadra con qualche individualità di spicco e nulla più. Dimostreremo qual è la forza del Pro: il grande gruppo”.
Formazione praticamente fatta: difesa affidata a Bini e Sall, con Silva e Bacher coppia mediana sostenuta ai fianchi da Matteassi e dalla rivelazione Barba. In avanti, si spera nei gol di Speziale e ovviamente Alessandro.
Si gioca alle 15; sabato 30 maggio match di ritorno in Romagna quando finalmente scorreranno i titoli di coda su una stagione estenuante.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà