Fusione Pro-Piace, domani il D-Day. Il Toro chiede Zecca, contatto Bardelloni

10 Giugno 2015

Legnago - Pro Piacenza - Burzoni al centro della foto un poco contrariato

Attesa ad ore la decisione relativa alla possibile fusione tra Pro Piacenza e Piacenza Calcio: domani alle 17.30, all’interno del consiglio di amministrazione della società rossonera, sarà discussa la questione che potrebbe portare all’unione delle forze tra i due club sotto un’unica bandiera.

Nel frattempo, prosegue l’opera di Massimo Cerri che sta serrando le fila per chiudere alcune trattative avviate nei giorni scorsi riguardanti il reparto attaccanti. Ancora distante domanda-offerta tra la società biancorossa e Manuel Pera, centravanti del Rimini e capocannoniere del passato campionato. In caso di fumata nera, pronte le alternative: da Cristofoli all’argentino Ferretti del Padova passando per la coppia gol del Real vicenza, ovvero Salvatore Bruno ed Emanuele Bardelloni, nome dell’ultim’ora, sono questi i nomi più caldi presenti sul taccuino del diesse piacentino.

In via Gorra si registrano anche alcune richieste per due baby di valore: per Giacomo Zecca, centravanti classe 97 in prestito alla Primavera del Parma, c’è l’interessamento del Torino. La Spal ha invece bussato alla porta del Piacenza per un altro giovane, ovvero il difensore Andrea Cigognini.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà