Pro, spunta la pista doriana.
Piace: idea Marmiroli, contatto Bignotti

17 Giugno 2015

IMG_5339-0.JPG
Le trattative di calciomercato entrano nel vivo, sia in casa Pro Piacenza che Piacenza Calcio, dove, in entrambi i casi, l’arrivo dei due allenatori ha dato una accelerazione al lavoro dei due direttori sportivi.
In casa rossonera, contatti assai intensi con il ds della Sampdoria Carlo Osti: si sta parlando di un possibile accordo che porterebbe Alessandro De Vitis alla corte di Viali. Reduce da un duplice infortunio, il figlio d’arte potrebbe ripartire proprio da Piacenza, sponda Pro. Sul tavolo anche la possibilità di arrivare ad altri due giocatori blucerchiati: nelle prossime ore potrebbe arrivare l’ok all’operazione.

Dopo Franzini, Matteassi e Silva, sembra profilarsi la possibilità di un ulteriore cambio di maglia. Mister Franzini avrebbe richiesto infatti il centrocampista centrale Lorenzo Marmiroli. Per chiudere, si guarda con estremo interesse alla situazione legata all’iscrizione al prossimo campionato di Lega Pro del Castiglione, ad oggi assai improbabile. Oltre all’ormai noto bomber Cristofoli (obiettivo estremamente complicato), più di un contatto c’è stato con l’estroso esterno d’attacco Enrico Bignotti, altro pupillo del tecnico di Vernasca nel corso della scalata dalla D alla Lega Pro del suo Pro Piacenza.

Notizia delle 6.45
Piace, arriva Silva. Il Pro Piacenza riparte da Barba. Volpe in arrivo?
E’ ufficiale. Dopo Luca Matteassi, anche Jacopo Silva completerà il cambio di casacca, passando da Pro a Piacenza Calcio, raggiungendo così mister Franzini.
In casa Pro si registra anche la prima conferma: Gianluca Barba farà parte del gruppo a disposizione di mister Viali. Si tratta di una pedina chiave dalla quale ripartire.
Nel frattempo, si è sparsa ieri in serata la voce di un possibile tesseramento di Francesco Volpe da parte del Pro Piacenza. Un’ipotesi suggestiva che significherebbe di fatto, scambio di capitani tra le due formazioni piacentine.
Tutti i dettagli su Libertà in edicola.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà