Il Pro Piacenza vuole tenersi stretta la serie C. Viali: “La mia gara più importante”

07 Maggio 2016

Cuneo - Pro Piacenza (fcc) (9)-800

A distanza di dodici mesi, ci risiamo: ultimi novanta minuti del campionato di Lega Pro decisivi per un Pro Piacenza che però, al contrario dello scorso anno, dovrà lottare non per agganciare la zona play out, bensì per evitarla e conquistare la permanenza in categoria qui la stagione.

Servirà un’impresa sul campo di un Lumezzane (domani alle 15) che, dall’avvento del nuovo tecnico Antonio Filippini, ha saputo innestare marce altissime e portarsi appena al di là della zona rossa. Tre punti di differenza tra i ragazzi di Viali e la compagine bresciana che può dunque contare sul doppio risultato per condannare i rossoneri alla coda post torneo dove Bini e compagni si ritroverebbero sulla strada verso la salvezza, un Albino Leffe che, ad oggi, vanta in canrniere la metà dei punti ottenuti dai piacentini. Misteri e magagne di un regolamento che grida vendetta.

“E’ la mia prima stagione da professionista ed è logico che quella di domani sarà la partita più importante della mia carriera da allenatore – ha detto Viali – ma non sento un’eccessiva tensione, anzi: sono proprio queste gare che mi esaltano maggiormente”.

Vista la delicatezza del confronto, Pro in ritiro per preparare al meglio un match in cui dovrebbe tornare protagonista Rantier e che vedrà con tutta probabilità David Speziale come terminale offensivo. Si profila una nova panchina per Danilo Alessandro.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà