Claudio Gentile, il “duro” con Piacenza nel cuore: “Bella città e gente splendida”

12 Maggio 2016

20160512_181923_resized

E’ stato a Piacenza solo sei mesi, nel lontano 1987. Ma Claudio Gentile torna sempre con grande piacere nella nostra città: “Ho chiuso qui la mia carriera da calciatore e la gente mi ha sempre dimostrato grande affetto, quindi porterò sempre Piacenza nel cuore“.

Non poteva mancare, quindi, una tappa piacentina anche nel giro promozionale del suo libro “E sono stato gentile”, che l’ex bandiera della Juventus e della Nazionale ha scritto assieme al giornalista della Gazzetta dello Sport, Alberto Cerruti. “Volevo raccontare la mia vita personale e professionale – ha detto nel corso dell’incontro alla Biffi Arte di via Chiapponi con l’assessore Giorgio Cisini e il giornalista Mauro Molinaroli – partendo dalla mia infanzia in Libia, Paese che oggi è al centro delle cronache per ben latri motivi. Ci sono anche alcuni messaggi che lancio ai giovani, in particolare quello legato ai compromessi: rifiutate sempre ogni forma di corruzione, perché dopo non ritroverete più voi stessi. Io ho sempre detto no e non me ne sono mai pentito”.

20160512_181913_resized

© Copyright 2021 Editoriale Libertà