Situazione al limite

Pro Piacenza, revocato lo stato di agitazione dei giocatori

31 ottobre 2018

I giocatori del Pro Piacenza hanno revocato lo stato di agitazione annunciato nelle ultime ore. E’ quanto si legge in una nota pubblicata sul sito della società rossonera nel pomeriggio di mercoledì 31 ottobre, nella quale si legge: “Dopo il colloquio intercorso tra il presidente e una delegazione di calciatori – la squadra, coesa con Maurizio Pannella, ha deciso la revoca dello stato di agitazione e che scenderà regolarmente in campo domenica contro la Lucchese.
Il chiarimento avvenuto nel primo pomeriggio ha preceduto la ripresa degli allenamenti della squadra guidata da Giuliano Giannichedda”.

I giocatori del Pro Piacenza avevano deciso di incrociare le braccia e di non scendere in campo domenica nel match previsto alle 20.30 con la Lucchese al Garilli. Era questa la clamorosa decisione assunta dai tesserati della società del presidente Pannella dopo che, venerdì scorso, era stata avviata la procedura di messa in mora del club a fronte delle inadempienze legate agli stipendi della prima parte di stagione. Una decisione assunta di concerto con i rappresentanti sindacali dell’Aiac e comunicata attraverso un comunicato nel quale si legge come si auspichi “che il club, a posto il preavviso di sciopero, adempia al pagamento delle somme contrattualmente dovute, quantomeno per le mensilità di luglio, agosto e settembre 2018 entro venerdì 2 novembre, in modo così da evitare l’esercizio del diritto di sciopero”. Situazione dunque sempre più drammatica, con il club rossonero che, proprio ieri, martedì 30 ottobre, ha nominato il terzo direttore generale da inizio stagione: Massimo Londrosi è stato infatti nominato dg dopo gli addii di Morrone e Santoro.

Nel pomeriggio di mercoledì 31 ottobre la notizia della revoca dello stato di agitazione.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Piacenza Sport

NOTIZIE CORRELATE