Le mosse di Franz e le incornate di Pergreffi e Ferrari valgono i tre punti. LE FOTO

13 Febbraio 2019

Successo pesantissimo quello che il Piacenza conquista allo stadio dei Marmi di Carrara e che rilancia la squadra di Franzini in graduatoria: tre punti che consentono il sorpasso proprio ai danni della Carrarese e riporta il Piace in vetta, in attesa del match delle 18.30 tra la capolista Pro Vercelli e l’Entella, anche in questo caso valido per la 26esima giornata. Hanno deciso le incornate finali di Pergreffi e Ferrari, dopo un match di sofferenza in cui sono risultati decisive le sostituzioni e il cambio di modulo imposto dal tecnico dopo 10 minuti dall’avvio della ripresa. Per i toscani un palo e diverse chance sprecate, ma il torto di non aver saputo approfittare dei momenti di sbandamento di Fumagalli e soci.

Mister Franzini, per l’occasione, cambia radicalmente volto alla squadra: si passa al modulo 4-2-3-1, con Cauz all’esordio dal primo minuto sul versante difensivo di sinistra, mentre Perez è al centro dell’attacco. Ferrari e Barlocco si accomodano in panchina al pari di Sestu. Una sorta di mini rivoluzione.

E l’avvio è incoraggiante. Proprio Perez, dopo 4’, sfiora il gol con un destro a giro da sinistra scoccato a una decina di metri dalla porta di Borra: pallone a un palmo dal palo. Trascorrono cinque minuti ed è la difesa del Piace a fare acqua: Piscopo si inserisce a sinistra sul servizio di Maccarone e spara di sinistro in diagonale con il pallone che sfiora il palo. Gara che si sviluppa su ritmi altissimi e toscani che danno sempre grande impressione di pericolosità quando avanzano. Al 20’, calcio di punizione da brividi dal limite dell’area: la fucilata di Tavano si perde fuori di pochissimo. La Carrarese alza i giri del motore e la retroguardia piacentina balla paurosamente in un paio di circostanze in cui gli attaccanti di casa mancano il colpo risolutivo. Piace che nella fase centrale del primo tempo riesce a prendere le misure ai toscani senza però essere mai pericoloso in avanti. Al 39’ però, altro brivido: fuga mancina di Maccarone e diagonale secco che spedisce il pallone a stamparsi contro il palo. E’ l’ultima emozione di un primo tempo disputato su ritmi forsennati e con il Piacenza che si è salvato in più di una circostanza sulle minacce portate dal super attacco dei marmiferi.

Ripresa e i due tecnici ripropongono gli stessi undici che hanno preso parte al primo tempo. Dopo tre minuti, subito un pericolo dalle parti di Fumagalli; pallone lavorato da Piscopo e servizio per Maccarone che, da centro area spara a rete: l’intervento di Cauz è provvidenziale. Piacenza che soffre la grande aggressività della Carrarese che, con Piscopo, costruisce un’opportunità, ma il tiro dal limite dell’attaccante di casa si perde di poco sul fondo. Franzini a questo punto cambia: dentro Silva e Barlocco, fuori Cauz e Corradi. Si passa dunque al modulo a tre difensori centrali. Una scelta che sembra ripagare visto che l’undici toscano non sembra più in grado di trovare spazi tra le maglie ospiti. Il tecnico di Vernasca, al 20’, si gioca anche le carte Sestu e Ferrari, fuori Terrani e Perez. Proprio Ferrari, al 22’, viene servito alla grande da un bel cross mancino di Barlocco: incornata dell’argentino, pallone troppo centrale. E’ invece Tavano a graziare i biancorossi al 28’: il suo piattone da pochi metri dopo la scoccata da fuori di Bentivegna si perde sul fondo, ma chance clamorosa sprecata dall’ex Empoli e Roma. Poco dopo sarà sostituito da Biasci. Inerzia del match che pende dalla parte toscana e così, l’episodio del 35’ giunge ancor più a sorpresa: calcio di punizione da sinistra di Di Molfetta, pallone a centro area e Pergreffi che indossa i panni di bomber consumato e, di testa, fa secco Borra. Il giusto premio per uno dei giocatori dal rendimento più alto dell’ultimo periodo; fino al 90’, sterile la reazione della Carrarese che cade in maniera inattesa dopo il successo di Novara. In pieno recupero, ci pensa Ferrari a chiudere i conti, incornando lo splendido traversone da destra di Sestu. Dopo tre pareggi, è festa per i tifosi biancorossi che hanno raggiunto il “dei Marmi”.

Prossimo impegno, domenica prossima al Garilli quando sarà tempo di sfida alla Pro Patria.

CARRARESE-PIACENZA 0-2
MARCATORI Pergreffi al 35’ e Ferrari al 46’ s.t.
CARRARESE (4-2-3-1) Borra; Carissoni, Karkahlis, L.Ricci, G.Ricci; Cardoselli (dal 24’ s.t. Agyei), Varone; Bentivegna, Piscopo (dal 18’ s.t. Valente), Tavano (dal 32’ s.t. Biasci); Maccarone (dal 24’ s.t. Latte Lath). (Mazzini, Alari, Rollandi). Al. Baldini.
PIACENZA (4-2-3-1) Fumagalli; Corsinelli, Bertoncini, Pergreffi, Cauz (dal 10’ s.t. Silva); Porcari, Marotta; Terrani (dal 20’ s.t. Sestu), Corradi (dal 10’ s.t. Barlocco), Di Molfetta; Perez (dal 20’ s.t. Ferrari). (Calore, Calzetta, Bachini, Sylla). All. Franzini.
ARBITRO Miele di Nola
NOTE Ammoniti Karkhalis, Di Molfetta, Varone, Angoli 7-2

© Copyright 2021 Editoriale Libertà