Gran colpo di mercato della Bakery: per la volata salvezza preso l’ex Nba Keith Appling

19 Marzo 2019

Un super acquisto per un’impresa che dovrà essere super: la Bakery Piacenza, in piena lotta per non retrocedere, ha ingaggiato Keith Appling, playmaker/guardia di 185 centimetri proveniente dall’Atenas de Cordoba, in Argentina.

Nato a Detroit il 13 febbraio 1992, Appling si mette in mostra fin dalla High School, giocando per Pershing: nel 2009 trascina la squadra alla vittoria del titolo nazionale con un tabellino personale di 49 punti nella finale. L’anno successivo, quello da senior, realizza 28 punti, 6 rimbalzi e 5 assist di media, cifre che lo portano ad essere reclutato da Michigan State University. Terminata la carriera universitaria nelle fila degli Spartans con 10.6 punti di media inizia l’avventura tra i professionisti: nel 2014 esordisce in NBA D-League con i D-Fenders, franchigia affiliata ai Los Angeles Lakers. Nel marzo 2015 passa agli Erie BayHawks. Appling chiude la stagione con 10.5 punti e 4 assist di media. Nel 2016, dopo aver iniziato la stagione nuovamente con i BayHawks, viene chiamato dagli Orlando Magic, franchigia con la quale fa il proprio esordio in NBA. Chiude la stagione nuovamente in D-League, sempre con i BayHawks: chiude la stagione con la convocazione all’All Star Game della NBA D-League e l’inserimento nel miglior quintetto difensivo. Dopo due anni di assenza dai campi Keith Appling firma, nel 2018, con la formazione dominicana dei Cañeros del Este. A seguire le avventure in Messico (Abejas De Leon, con i quali realizza 19 punti di media) ed Argentina con l’Atenas de Cordoba, prima della chiamata del club del presidente Marco Beccari.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà