Nuotatore piacentino

Giacomo Carini e il sogno Olimpiade: “Manca poco alla qualificazione”

21 febbraio 2020

“Le Olimpiadi sono il grande sogno di ogni sportivo: prendervi parte sarebbe il coronamento di una carriera. Personalmente, sono un obiettivo alla mia portata”. E’ un Giacomo Carini carico a mille quello che si è presentato venerdì 21 febbraio a Zona Sport, a pochi giorni dall’inizio dei Campionati italiani che potrebbero spalancargli le porte dell’Olimpiade di Tokyo. “Nella mia specialità – ha spiegato Carini -, i 200 metri farfalla, il minimo per qualificarsi ai Giochi Olimpici di Tokyo è di 1’55”3 (un minuto, cinquantacinque secondi e tre centesimi ndr). Ho già nuotato su questi tempi e, per come mi sono allenato quest’anno, direi che posso farcela”.

Oltre al nuoto, ampio focus sulla palla ovale: con Christian Covati, presidente della sezione arbitri di rugby di Piacenza, si è parlato dei numeri del movimento piacentino. “In pochi anni sono stati compiuti passi da gigante – ha affermato -, anche se abbiamo bisogno di nuovi tesserati. L’invito è aperto a tutti, anche a giocatori in attività che magari desiderano mettersi in gioco in qualità di direttori di gara. A livello personale punto ovviamente al salto di categoria, spero in breve tempo di poter arbitrare almeno la Serie B. Il mio obiettivo rimane comunque il Top 12, anche se il sogno sarebbe arbitrare al Sei Nazioni”.

Finale dedicato al kick boxing e ai campioni della Yama Arashi Natalia Coeva e Michele Semema, accompagnati dal maestro Gianfranco Rizzi. Le repliche della puntata del venerdì andranno in onda sabato alle 9, alle 18 e alle 23. Martedì prossimo, invece, nuova puntata di Zona Sport.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Piacenza Sport Telelibertà