Castagnetti continua a vincere: sua la prima prova del campionato svizzero

29 Agosto 2020

 

Non ha tradito le attese, confermandosi ancora una volta l’avversario da battere a livello mondiale nella categoria KZ2. Il pilota di go-kart piacentino Paolo Castagnetti, che corre con il casco della piacentina Gp Racing, è riuscito a primeggiare anche nella prima prova del campionato svizzero 2020, aggiudicandosi la sfida andata in scena alla pista 7 laghi di Castelletto di Branduzzo (Pavia).

“E’ stata una vittoria sudatissima – racconta il pilota ventunenne mentre si ‘coccola’ la Coppa da poco vinta. – Già dalle prove ho capito che avrei corso con il coltello tra i denti e che me la sarei giocata con almeno quattro o cinque piloti. Le qualifiche non sono state impeccabili e mi sono piazzato al quarto posto. Nonostante questo, una partenza sprint mi ha permesso di vincere la prima manche: sono partito alla grande anche nella seconda, ma lo svizzero Rohrbasser mi ha ‘bruciato’ proprio all’ultimo e ho chiuso dietro di lui. La finale, quella che conta, mi ha visto dunque partire dalla seconda casella della griglia e anche qui mi sono reso protagonista di una super partenza, piazzandomi da subito davanti al gruppone. Sono stati 19 giri tiratissimi dall’inizio alla fine, dato che avevo il fiato sul collo dei miei avversari, ma io e il mio team (Dpr karting team, ndc) abbiamo giocato tutte le carte che avevamo a disposizione e non ne abbiamo sbagliata una, trionfando al termine di una prova davvero entusiasmante. Mossa vincente è stata quella di apportare alcune modifiche al kart, in grado di infondere maggiore potenza al motore e più aderenza alle gomme”.

Nonostante però la bella vittoria all’esordio, il giovane kartista piacentino mastica amaro: “Avendo una licenzia italiana – spiega Castagnetti – non rientro nella classifica a punti del campionato elvetico, nel quale puoi gareggiare ufficialmente solo con la licenza svizzera. Quindi, volendo, potrei vincere anche tutte le singole gare ma alla fine avrei comunque zero punti in campionato. Per noi è una bella mazzata, dato che per come si erano messe le cose potevamo davvero sognare in grande. Pazienza, guardiamo alla prossima prova, in programma a Wohlen il 12 settembre”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà