Elia Visconti, il leader della fascia: “Il gioco di Manzo sa come esaltarci”

05 Novembre 2020

Il suo meraviglioso cross mancino ha tagliato in due l’area avversaria avvolta dalla nebbia, un assist al bacio per il gol del momento 1-1 firmato da Corbari, nel pirotecnico 3-3 contro il Renate di domenica scorsa.

Le sue sgroppate sulla fascia condite da inserimenti, sovrapposizioni e bei cross, sono una costante del gioco biancorosso: Elia Visconti, dopo un avvio in punta di piedi, ha impiegato una manciata di partite per prendersi la corsia mancina, ed ora è un elemento imprescindibile nell’identità di questo Piace.

“Sono di casa da queste parti – sorride l’esterno ex Inter e Bologna – motivo per il quale, quando scendo in campo, sono sempre portato a dare qualcosa in più. Credo che tutta la squadra, non solamente io, stia facendo molto bene in questo periodo. All’inizio abbiamo faticato un pochino, adesso invece stiamo giocando molto bene”.

Giocatore estremamente duttile, Visconti si sta “specializzando” nel ruolo di esterno basso di sinistra. “Un ruolo che mi piace moltissimo – assicura – tocco tanti palloni e sono sempre nel vivo del gioco. Se è difficile applicare i dettami tattici di mister Manzo? Oramai ci viene spontaneo, del resto siamo una squadra costruita per giocare palla a terra. Personalmente mi diverte molto questo tipo di gioco”.

Si dice che il gruppo sia fondamentale per ottenere grandi risultati. Quali sono i trascinatori di questo Piace? Visconti non ha dubbi: “Siamo tutti molto giovani, non c’è un vero e proprio leader all’interno dello spogliatoio. Ci aiutiamo a vicenda in tante situazioni”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà