L’Assigeco vuole tornare al successo, ma Verona ha sete di punti

21 Febbraio 2021

Non c’è un attimo di pausa in questo pazzo campionato di A2 e se da un lato la fatica si fa sentire, dall’altro non esiste miglior modo di lasciarsi alle spalle una sconfitta dolorosa come lo è stata quella dell’Assigeco ad Udine.

Domenica però sarà la volta per un’altra sfida difficilissima in casa di Verona, che è alla disperata ricerca di punti per tirarsi fuori da una situazione di classifica in cui in estate non si aspettava di essere.

Il cambio in panchina della settimana scorsa non è bastato alla Scaligera ad evitare la quarta sconfitta consecutiva, ecco perché i biancorossoblu si troveranno di fronte un avversario ferito e nonostante tutto col talento necessario per battere chiunque in questo girone verde.

Anche gli uomini di Salieri hanno bisogno però di una vittoria per non venire definitivamente risucchiati nella battaglia per il nono posto (che vuol dire salvezza matematica), perché nonostante le ottime prestazioni dell’ultimo mese è arrivato un solo successo nelle ultime 5 gare.

Fare il colpaccio all’AGSM forum significherebbe guardare con più serenità al fondamentale match del primo marzo contro l’Orlandina e darebbe ulteriore carica per inseguire quel sogno chiamato playoff che prima della sfida interna con Torino era più concreto che mai.

L’Assigeco dovrà ancora una volta dettare il proprio ritmo contro una squadra che ama tenere i ritmi bassi ma ha il talento necessario a metà campo per trovare un canestro praticamente ad ogni azione. Fondamentale sarà che McDuffie si imponga nuovamente nello scontro diretto con l’ex di turno Bobby Jones e che il leader emotivo e tecnico dei veneti, Guido Rosselli, venga imbrigliato dalla difesa esattamente come successe nella gara d’andata al PalaBanca: una difesa che, dopo il passaggio a vuoto del PalaCarnera, deve tornare a mordere per ridare a Piacenza il sorriso.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà