Gonzi croce e delizia: regala il vantaggio e poi pareggia in pieno recupero

28 Febbraio 2021


Ci ha pensato Yuri Gonzi a mantenere viva una sfida tutt’altro che spettacolare, prima regalando di fatto il gol del vantaggio del Renate firmato Maistrello, ma successivamente, in pieno recupero, firmando l’insperato gol del pareggio quando ormai i neroazzurri sembravano ad un passo da tre punti pesantissimi in ottica primo posto. E’ invece un punticino estremamente prezioso per il Piacenza che si mantiene, seppur di pochissimo, al di fuori della zona playout e conferma di possedere doti caratteriali importanti, rimediando, come successo ad Olbia, agli errori precedenti ad un niente dal triplice fischio.

Mister Scazzola recupera Battistini e Palma, entrambi sono schierati dal primo istante con il centrocampista ancora una volta nel ruolo di regista, stante l’indisponibilità di Sulijc ancora fermo per infortunio. In attacco, tocca a Gonzi e a Galazzi fornire rifornimenti all’unica punta De Respinis.

Primo tempo piuttosto deludente per il Piacenza, incapace di creare pericoli dalle parti di Gemello con Palma che tocca un’infinità di palloni, senza però accendere mai la luce, complice anche lo scarso movimento degli attaccanti e degli esterni. Il Renate, senza strafare, va alla conclusione in un paio di circostanze nei primi venti minuti, ma proprio al 20′ la svolta: erroraccio in fase di disimpegno da parte di Gonzi che serve involontariamente Maistrello in piena area e per il centravanti è uno scherzo, in diagonale, trovare l’angolo lontano. Una rete che indirizza la sfida sui binari prediletti dell’undici di Diana che controlla a proprio piacimento nonostante l’uscita di scena di Silva (contrasto aereo pauroso con De Respinis). Solo nel finale di frazione, squillo biancorosso con il consueto inserimento di Corbari che, di testa sul cross da sinistra di Gonzi, trova prontissimo Gemello.

Ripresa e subito un cambio per Scazzola: dentro Lamesta e fuori Visconti. Gonzi “trasloca” sulla corsia esterna, mentre il baby attaccante si sistema alle spalle di De Respinis al fianco di Galazzi. Sostituzione che sortisce nessun effetto: gara monotona e priva di accelerazioni per i biancorossi, incapaci di dar vita ad una riscossa che sembra rimanere solo nelle intenzioni. Al 18′, piove sul bagnato: infortunio per Libertazzi, Scazzola getta nella mischia Stucchi, al debutto. Non solo: fuori anche i deludenti Galazzi e De Respinis, spazio a Cesarini e a Maio. Soltanto Lamesta riesce, con qualche guizzo, a ravvivare il finale, ma con Maio che fallisce una buona opportunità per il pareggio, non ci sono iniziative degne di nota e Gemello sembra poter mantenere inviolata la porta senza eccessivo lavoro. Sbagliato, perchè al 48′, una conclusione da sinistra di Gonzi, resa ancor più maligna da una deviazione, si rivela decisiva e fa scattare una super esultanza dei biancorossi più che giustificata.

Un pareggio che consente di guardare con maggiore ottimismo alla sfida delicatissima di mercoledì prossimo quando al Garilli arriverà la Giana per un autentico spareggio-salvezza.

RENATE-PIACENZA 1-1
MARCATORI Maistrello al 20′ p.t.; Gonzi al 48′ s.t.
RENATE (3-5-2) Gemello; Merletti, Silva (dal 28′ s.t. Damonte), Magli; Anghileri, Kabashi, Ranieri (dal 36′ s.t. Santovito), Rada, Marano (dal 15′ s.t. Lakti); Maistrello, Galuppini (dal 36′ s.t. Nocciolini). (Bagheria, Giovinco, Vicente, Burgio, Possenti). All. Diana.
PIACENZA (3-4-2-1) Libertazzi (dal 18′ s.t. Stucchi); Tafa, Battistini, Marchi; Simonetti (dal 40′ s.t. Pedone), Corbari, Palma, Visconti (dal 1′ s.t. Lamesta); Gonzi, Galazzi (dal 18′ s.t. Cesarini); De Respinis (dal 18′ s.t. Maio). (Stucchi, Cannistrà, Saputo, Martimbianco, Renolfi, Miceli, Scorza, Babbi). All. Scazzola.
ARBITRO Arace di Lugo di Romagna
NOTE Ammonito Palma. Angoli 3-1.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà