Pugilato, Roberta Bonatti vince l’oro al torneo internazionale “Boxam 2021”

09 Marzo 2021

Dopo la conquista, il 1° febbraio scorso, del titolo italiano nei 48 chili ai Campionati italiani Élite femminili di Avellino, la pugile piacentina Roberta Bonatti si è infilata al collo la medaglia d’oro anche al prestigioso torneo internazionale “Boxam 2021”, che si è concluso nel weekend.

Si tratta di un appuntamento molto atteso, organizzato ogni anno in Spagna a Castellòn (Valencia) e al quale prendono parte numerose Nazionali come India, Francia, Russia, Puerto Rico e ovviamente anche l’Italia, sia nel femminile che al maschile.

Visto il periodo le partecipazioni sono state un po’ più risicate rispetto al solito, ma questo non ha impedito ai contendenti di mandare sul ring agonismo e qualità: peccato, ancora una volta, per la mancanza di pubblico a causa delle norme anti-Covid, ma oramai anche gli stessi atleti si sono abituati a combattere nel silenzio del palazzetto vuoto, in attesa che la situazione torni al più presto alla normalità.

Tornando alla “Robertina”, atleta numero uno a livello italiano nella sua categoria di peso, dopo aver passato i quarti di finale ai sorteggi, ha combattuto e vinto in semifinale e nella finalissima contro due forti atlete spagnole.

“Prima di tutto è stato bellissimo e molto utile tornare a misurarsi nuovamente all’estero – spiega l’atleta cresciuta nella Salus Et Virtus – nonostante l’edizione di quest’anno sia stata per forza di cose più ridotta rispetto al solito in termini di iscritti. L’incontro che ho disputato in semifinale, contro la Navarro, è stato un match tranquillo, l’avversaria aveva meno esperienza di me e trovare la strategia vincente è stato tutto sommato semplice già dopo i primi due minuti di gara. Ho vinto 5-0. In finale, invece, ho trovato Cristina Morales, una spagnola più anziana, longilinea e dura. Il match è stato aperto e combattuto sino alla fine, ho avuto la meglio su di lei soltanto per i miei incroci da mancina, sapevo di rischiare troppo avvicinandomi, sono rimasta sempre sulla media-lunga distanza imponendole un ritmo molto alto e aspettando un suo errore. Me la sono sudata, la terza ripresa mi ha fatto vincere il match imponendomi 3-2 e vincendo così il torneo”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà