Dal 15 maggio riaprono le piscine all’aperto, palestre dal 1 giugno: ecco le regole

07 Maggio 2021

Gli sportivi possono iniziare a scaldare i muscoli: ottenuta l’approvazione del Comitato tecnico scientifico, il governo ha infatti concesso il via libera al nuovo protocollo sullo sport che fissa le regole per la ripartenza di piscine, palestre e centri sportivi.
Per le zone gialle la riapertura delle piscine (per il momento solo quelle all’aperto) è prevista il 15 maggio mentre le palestre potranno riprendere a lavorare dal 1 giugno. Entrambe, ma più in generale questo vale per qualsiasi luogo dove si pratica sport, dovranno conservare per 14 giorni l’elenco dei clienti.

PISCINE
All’ingresso sarà obbligatorio misurarsi la temperatura. In vasca bisognerà mantenere una distanza di sette metri quadri, mentre fuori i gestori dovranno “assicurare una superficie di almeno 10 metri quadri per ogni ombrellone”. Sedie e sdraio dovranno essere sistemati seguendo percorsi dedicati, per garantire il distanziamento di almeno un metro e mezzo tra le persone che non appartengono allo stesso nucleo familiare. E’ vietato soffiarsi il naso quando si è in acqua e i bambini molto piccoli potranno entrare in vasca solo se provvisti di pannolino.

PALESTRE
All’interno delle palestre bisognerà indossare sempre la mascherina fino al momento di iniziare l’attività: la distanza tra una persona e l’altra dovrà essere di almeno due metri. Come nel caso delle piscine, sarà obbligatorio misurare la temperatura all’ingresso. I gestori dovranno inoltre differenziare i percorsi di entrata e uscita. Per i bambini non potrà esserci più di un accompagnatore.
Durante la pratica sportiva utilizzare se possibile tappetini propri, altrimenti quelli utilizzati dovranno essere igienizzati prima e dopo ogni sessione di allenamento. Si deve “arrivare già vestiti adeguatamente alle attività o in modo tale da utilizzare spazi comuni per cambiarsi e muniti di buste sigillanti per la raccolta dei rifiuti potenzialmente infetti”. Se l’attività sportiva viene svolta all’aperto la distanza può essere di un metro.

IL SERVIZIO DI MARCELLO TASSI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà