La nobile arte arriva a Bobbio: serata di match in piazza con la Boxe Piacenza

12 Giugno 2021

I pugili e lo staff della Boxe Piacenza

Liberata da vincoli di carattere epidemiologici la boxe piacentina dà libero sfogo alle sue esigenze agonistiche e organizzative. Aveva cominciato la Salus et Virtus con un’apprezzata riunione del tipo misto nel cortile del Palazzetto dello sport di Piacenza sottostante al pubblico passeggio e ora continua la Boxe Piacenza, portando il ring sulle pubbliche piazze della provincia, della Val Trebbia in particolare, con tre stimolanti riunioni a carattere dilettantistico negli splendidi scenari dei comuni di Bobbio, Travo e Rivergaro occupando praticamente tutta l’estate.

Si comincia con il più bello tra i belli borghi d’Italia, ovvero Bobbio, dove in Piazza Santa Fara alle 18.00 avrà inizio la serie di combattimenti preceduti da un’interessante esibizione di Gym Boxe, una versione più leggera del pugilato con colpi solo di tocco ma non affondati e riservata ad una cerchia di appassionati che va dai 14 ai 65 anni. In questa specialità la Boxe Piacenza ha già raccolto importanti titoli regionali coi vari Jeyson Tripaldi, Mattia Tansini e il giovane Claudio Ashiku che, nell’occasione, sosterranno un’esibizione nella preparazione ai prossimi campionati italiani di Parma.

Quindi inizierà la serie di 7 incontri tra pugili dilettanti maschili (5) e femminili (2). In verità gli incontri programmati erano 8 ma un infortunio sul lavoro ha impedito al campione regionale Lodovico Ortu di essere di scena. Saranno, dunque, Roberto Betancourt e Ilaria Tosca a tenere il clou dal lato tecnico, incrociando i guantoni con avversari provenienti da altre palestre.

Oltre a loro, saliranno sul ring anche Roberta MerliDomenico Ciniero e Skerdy Shkoza, tutti alla ricerca di prestigiose affermazioni a conferma della loro crescita. A completare il programma si disputeranno altre due match tra rinomati pugili lombardi mentre non si esclude un’aggiunta di altri combattimenti.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà