Piacenza primogenita nel padel: dal 20 settembre campionati provinciali

08 Settembre 2021

Ancora una decina di giorni di attesa poi Piacenza potrà dire di essere la primogenita anche nella diffusione del padel in Emilia Romagna. I primi campionati provinciali della regione andranno proprio in scena nella nostra città: una novità assoluta per il territorio locale, che si terrà dal 20 al 26 settembre sui campi del Borgo Padel A.S.D. Del Tennis Club Borgotrebbia, sarà infatti la prima edizione provinciale dedicata a questo sport con gare di doppio maschile e di doppio femminile. Le iscrizioni sono aperte sul sito amicotennis.com (fino alle ore 18 del 17 settembre) e ci sono già una trentina di partecipanti che non vedono l’ora di misurarsi con altri appassionati per stabilire chi saranno i più bravi.

A dare vita a questo evento è Gianluca Beghi, uno dei migliori tennisti di Piacenza e provincia, che lo ha presentato stamattina sui campi del Borgo Padel insieme a Lorenzo Marchi del Tennis Club Borgotrebbia e a Gianni Fulgosi, delegato provinciale Fit.

“Sono molto contento, ci tengo tanto a questi provinciali – ha detto Beghi – io arrivo dal tennis, ho sempre giocato i provinciali, e ho voluto organizzare un torneo simile anche nel padel, sarà il primo di questo tipo in tutta l’Emilia Romagna, speriamo che vada bene. Abbiamo già dieci coppie iscritte nel maschile e cinque nel femminile, dovrà essere solo la prima di una serie di iniziative che portino alla diffusione del padel, la prossima che organizzeremo sarà una scuola di padel per bambini e ragazzi”.

L’organizzazione di un torneo provinciale testimonia dunque la crescita esponenziale di questa disciplina anche a Piacenza e provincia: gli sportivi che scelgono il padel sono in costante aumento, così come il numero di campi, con la speranza che possa nascere qualche campione. Finora i tesserati per l’agonismo sono 787 nella nostra provincia, come ha evidenziato Fulgosi: “Quasi 800, un bel numero, raggiunto per di più in un solo anno, speriamo che tanti partecipino a questi provinciali. In Italia siamo un po’ indietro, 300mila agonisti contro il doppio della Spagna, c’è dunque bisogno di strutture e tornei, ma la febbre dal padel dilaga sempre più”.

Anche grazie al Tennis Club di Marchi, che ha realizzato due campi indoor proprio per dare l’opportunità di giocare ai propri tesserati: “Abbiamo una bella squadra di agonisti nel tennis, ora stanno cominciando a giocare a padel, oltre a un centinaio di soci, queste strutture sono per tutti”. Un esempio di chi si è appassionato al padel è Alessia Fava, una delle tenniste di maggior spessore del Borgotrebbia: “Gioco a padel da un anno e mezzo, mi diverto perché lo pratico insieme ai miei amici, inoltre mi aiuta nel migliorare alcuni colpi del tennis per cui lo reputo anche uno sport utile”. Passione che condivide con l’amica Vittoria Canevari: “Gioco sempre con i miei amici, o comunque con dei conoscenti, da circa un anno, mi diverto molto e mi aiuta anche per il tennis”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà