Trasferta amara per la Gas Sales Bluenergy Volley: Taranto si impone 3-1

20 Febbraio 2022

La Gas Sales Bluenergy non ripete la bella prestazione casalinga di mercoledì e cede
3-1 a domicilio di una Taranto bisognosa di punti e capace di mettere in campo una
prestazione maiuscola.
PRIMO SET
Coach Bernardi inizia la gara con la stessa formazione capace di vincere mercoledì
scorso contro Padova, con tre schiacciatori contemporaneamente in campo, Rossard
schierato da finto opposto e la coppia Recine-Russell in banda insieme a Brizard in
regia e alla coppia Holt-Cester al centro con Scanferla libero. Taranto parte subito bene
e si capisce che per Piacenza sarà una serata complicata. I padroni di casa sono in
giornata soprattutto al servizio e con il muro e si guadagnano subito il 7-5 proprio
grazie a un ace. I biancorossi crescono in difesa ma faticano a mettere palla a terra,
così si appoggiano alla battuta che con Russell porta gli ospiti a tre lunghezze di
distanza: 11-8. Proprio lo statunitense firma dalla seconda linea l’attacco vincente che
consente alla Gas Sales Bluenergy di far sentire il fiato sul collo agli avversari: 16-15.
Piacenza potrebbe anche pareggiare ma non sfrutta l’occasione e da quel momento la
Prisma allunga, non basta l’ingresso di Stern per Rossard, la squadra di Di Pinto chiude
25-19.
SECONDO SET
Al cambio di campo il copione resta molto simile, con i padroni di casa a
condurre le danze. L’ace di Alletti consegna il 7-4 ai padroni di casa e Bernardi
sostituisce Rossard con Stern. L’opposto sloveno inizia alla grande (chiuderà la frazione
con il 70 per cento) e tiene i suoi compagni in partita. Stern non sbaglia un pallone,
poi il muro firma il pareggio a quota 12. Sembra la svolta, invece la Gas Sales
Bluenergy non riesce mai a mettere la freccia, subendo anzi il ritorno dei padroni di
casa che fermano Recine per il 16-13. La Prisma si porta avanti anche di quattro punti,
poi il muro di Piacenza riporta l’equilibrio: prima Holt e quindi Recine consegnano ai biancorossi la possibilità di giocarsi la parità, con la Prisma avanti ma solo 22-21. Però
nel finale i padroni di casa non rallentano e chiudono con Joao 25-23.
TERZO SET
Cambia di nuovo Bernardi, lasciando in campo Stern da opposto ma proponendo
nuovamente Rossard nel sestetto per Russell. Questa volta l’avvio è di marca
biancorossa, con l’ace dello sloveno per il 6-3. Ma Taranto non ha intenzione di lasciare
la strada libera agli ospiti e sfruttando anche un paio di errori dei biancorossi torna
avanti 10-9. Da metà frazione si gioca punto a punto, con la Gas Sales Bluenergy che
trova il vantaggio ma viene sempre raggiunta. Il primo set point se lo guadagna
Cester, ma ne servono altri tre prima che Piacenza allunghi la gara con il punto del
27-25.
QUARTO SET
Nel quarto set la formazione biancorossa si trova nuovamente costretta a
rincorrere gli avversari che dopo il 4-2 di Alletti si regalano anche il 12-8 con lo stesso
centrale. Taranto arriva ad avere cinque lunghezze di vantaggio sul 15-10, poi Bernardi
pesca nuovamente dalla panchina rimescolando le carte con l’inserimento di Russell
per Stern. Proprio lo statunitense prima firma la rimonta del 18-17 poi spedisce fuori
la palla del possibile pareggio. I padroni di casa si guadagnano un doppio vantaggio
che non lasciano più fino al definitivo 25-22.

A commentare il match Leonardo Scanferla, libero Gas Sales Bluenergy Volley
Piacenza: “Siamo molto rammaricati, questa era una partita importante per noi:
volevamo portare a casa tre punti e arrivare al quinto posto. I nostri avversari hanno
giocato meglio di noi, mentre noi abbiamo mancato sui nostri obiettivi, nonostante
avessimo preparato la partita. Domani torniamo in palestra con la volontà di
cambiare le cose. Mercoledì incontreremo una big come Perugia e dobbiamo
sicuramente fare dei punti. Dopo questa partita non sarà facile, ma abbiamo voglia
di riscattarci da questa brutta prestazione”.

IL TABELLINO
Gioiella Prisma Taranto – Gas Sales Bluenergy Piacenza 3-1
(25-19, 25-23, 25-27, 25-22)
Arbitri: Pozzato e Braico
Durata set: 26′, 36′, 34′, 32′; tot: 128′

© Copyright 2022 Editoriale Libertà