Super-Cesarini trascina il Piace: vittoria a Lecco e nono posto in cassaforte

10 Aprile 2022

Fotoservizio Claudio Cavalli

Trascinato da un Cesarini versione extra-lusso e sorretto in difesa dall’impenetrabile coppia Nava-Cosenza, il Piacenza sbanca Lecco, consolida la propria posizione play off e lascia buone sensazioni in vista proprio degli spareggi-promozione.
Botta e risposta tra Munari e Giudici in apertura di match, poi lombardi che si lasciano preferire. Il rigore fallito da Cesarini avrebbe potuto affossare il morale dei biancorossi, che in realtà hanno dato prova di solidità e maturità, passando in vantaggio a inizio ripresa e rischiando pochissimo fino al triplice fischio.
Piace nono in classifica e che sabato prossimo riceverà al Garilli la FeralpiSalò.

SERIE C – RISULTATI E CLASSIFICA
LA CRONACA
PRIMO TEMPO
A sole tre giornate dal termine del campionato, prove generali di play off per il Piacenza con la trasferta di Lecco.
Mister Cristiano Scazzola sceglie Dubickas e non Rabbi in attacco al fianco di Cesarini; per il resto, formazione invariata con Cosenza al centro della difesa e non Marchi.
Inizio di personalità dei biancorossi, che al 4′ passano: Munari è bravo a raccogliere un cross rasoterra di Gonzi e a scaricare in rete. Lecco-Piacenza 0-1.
Il Lecco va subito vicino al pareggio, con il piattone di Morosini che fa tremare la traversa.
Gol rimandato di poco: all’8′ Giudici sorprende Tintori con un destro di controbalzo dal limite dell’area. Lecco-Piacenza 1-1.
I padroni di casa spingono e al 12′ il tiro di Petrovic finisce alto.
Al 16′ Vasic dalla destra crossa per Ganz, la cui girata trova solo l’esterno della rete.
Per mezz’ora la lotta è solo a metacampo, senza grandi emozioni.
Al 37′ Cesarini mette a sedere Enrici in area, il difensore ferma la palla con un braccio: rigore, che lo stesso capitano biancorosso si incarica di battere, facendosi però parare il tiro da Pissardo, disteso sulla destra.
Il Lecco si galvanizza, spinge e trova le occasioni di Giudici e Morosini, ma Tintori è sempre sicuro.
Dopo due minuti di recupero termina il primo tempo.
SECONDO TEMPO
La ripresa si apre senza sostituzioni e con il Piacenza che prova a far circolare la palla.
Al 48′ arriva il vantaggio biancorosso: Nava è bravissimo a colpire per ben due volte di testa un angolo di Sulijc, con la palla salvata da un difensore quando ormai ha superato la linea. Lecco-Piacenza 1-2.
Al 53′ Scazzola mette Rossi e toglie Castiglia.
Al 60′ clamorosa palla gol per Dubickas, lanciato in profondità da Cesarini: il diagonale a tu per tu con il portiere finisce fuori di un soffio.
Il Piace tiene bene il campo, argina le offensive locali e riparte in maniera molto pericolosa, con Cesarini bravissimo a tenere palla e premiare gli inserimenti di Dubickas, Gonzi e Munari, fermati in un paio di occasioni proprio all’ultimo dalla difesa di casa.
Al 75′ Petrovic spreca di testa un cross di Buso da posizione favorevole.
De Paola sbilancia i suoi con i cambi, Scazzola risponde con Marchi e Rillo al posto di Munari e Giordano, passando alla difesa a tre.
All’81’ altra invenzione di Cesarini per Gonzi, che trova ancora Pissardo attento.
All’83’ ultima sostituzione: dentro Rabbi per Dubickas.
All’89’ Ganz non arriva per centimetri a deviare in rete la sponda aerea di Marzoratti sugli sviluppi di un corner.
I cinque minuti di recupero di aprono con un super-intervento di Pissardo sul sinistro dal cuore dell’area dell’incontenibile Cesarini.
Il tiro a lato di Ganz è l’ultima emozione.

IL TABELLINO
LECCO (3-4-1-2): Pissardo; Celjiak, Battistini, Enrici (Purro); Morosini (Lora), Kraja (Marzoratti), Masini, Giudici; Vasic (Buso); Ganz, Petrovic (Italeng). (Libertazzi, Lakti, Merli Sala, Nesta, Sparandeo, Nepi, Sberna). All.: De Paola
PIACENZA (4-4-2): Tintori; Parisi, Cosenza, Nava, Giordano (Rillo); Munari (Marchi), Suljic, Castiglia (Rossi), Gonzi; Cesarini, Dubickas (Rabbi). (Pratelli, Tortora, Tafa, Lamesta, Bobb, Marino, Armini, Ruiz). All.: Scazzola
ARBITRO: Di Cicco di Lanciano
RETI: 4′ Munari (P); 8′ Giudici (L); 48′ Nava (P)

© Copyright 2022 Editoriale Libertà