Vola il Piacebaskin: sabato prossimo la partita che può valere la semifinale

16 Maggio 2022

Exploit vincente per Piacebaskin in gara1 contro Vismara, in una giornata che ha visto alternarsi diverse assenze con nuove proposte. L’esordiente Francesca Fittipaldi prende il posto dell’infortunata Linda Orlandi, mentre nel parco pivot viene aggiunto Paolo Coduto con lo scopo di fornire pericolosità al tiro da 3 punti.

L’inizio è decisamente combattuto, con Gladi e Labò che duellano a distanza in velocità. Uno scontro in cui la controparte difensiva ha sempre la peggio. Garofano e Soragna devono contenere la lunghezza e la velocità di Fantazzini, che rimarrà una minaccia costante per tutta la partita. La svolta è scandita dalle deviazioni procurate dalle mani attente di tutta la difesa biancorossa che neutralizza tutto e costringe a dei rientri affannosi Vismara, rigorosamente puniti.

Questa marea di occasioni dà modo anche a Minuti e Vento di sbloccarsi e prima che la sirena del primo quarto suoni c’è spazio anche per i primi tre punti della carriera di Coduto. Il parziale del primo quarto recita un 20-9 per Piacebaskin.

L’ingresso di Bonetti nel secondo quarto dona stabilità a una circolazione di palla che nei primi minuti stentava a decollare e dove Fantazzini continuava a mietere vittime in area, coadiuvato anche dal suo collega Parmigiani. Labò è costretta temporaneamente ad uscire in seguito ad un infortunio al braccio, sostituita da Righi, dopo aver fatto ulteriormente valere la sua attitudine aggressiva in attacco.

Si opta per un rallentamento del gioco in favore di Vento e Coduto. La prima in questa fase alterna buone soluzioni mandate a segno ad altre altrettanto buone clamorosamente sputate dal ferro. Il secondo è vittima dei brividi dell’esordio e viene sostituito da Bossi. L’ottima presenza a rimbalzo su entrambe le aree, complice una complessiva inefficacia dei pivot avversari fino a questo punto, consente di trasformare queste occasioni in punti facili da parte dei ruoli 4 piacentini e di Bossi, che si trova in scia. Minuti proseguirà l’opera perfettamente, con gli avversari che non si adeguano al cambio di passo più posato dei biancorossi. Il secondo quarto termina sul 24-36 a favore dei biancorossi.

La ripresa si avvia con un parziale rinvigorimento della difesa del Vismara che riuscirebbe anche ad ostacolare i propositi del Piacebaskin se non fosse per due particolari che hanno nome e cognome: Matteo Soragna e Francesca Fittipaldi. Il primo è deter- minante nel pulire il ferro dalle conclusioni forzate dalla difesa del Vismara a rimbalzo offensivo guadagnando extrapossessi che conclude lui stesso o reindirizza ai compagni, in particolare a Vento e Righi. La seconda è costretta a soluzioni personali isolate che, in circostanze normali, si direbbero mal consigliate.

Il problema per gli avversari è che il terzo quarto di Fittipaldi non ha eguali: si prenderà un tiro da tre e due tiri in sospensione, tutti ben contestati e tutti a segno. Questi due fattori, uniti a una solida difesa di Cardinali e Garofano consentono di ovviare alle difficoltà offensive dei pivot (andrà a segno solo Minuti) e permettono a Piacebaskin di allungare ancora il vantaggio, il terzo quarto termina 41-56.

L’ultima frazione di gioco vede una perdita di lucidità da parte di Piacebaskin, che soffre un rilassamento difensivo tipico di chi si trova già avanti. Manca quella presenza di corpo e di spirito che ha permesso di impensierire quasi tutte le conclusioni del Vismara. I pivot avversari, finora dimostratisi inadeguati alla sfida, si riprendono dall’impasse e solo Bossi sarà in grado, e solo parzialmente, di minare i loro sforzi. Almeno nella prima metà del quarto anche la circolazione di palla presenta criticità serie ma esse vengono smussate gradualmente conferendo un apporto offensivo dignitoso, degne di nota sono gli assist in contropiede di Soragna e Orlandi per Garofano. Tuttavia lo sforzo della squadra di San Bassano arriva troppo tardi e, nulla togliendo a ottime prestazioni come quelle di Gladi e Fantazzini, si vede costretta a capitolare. Recupererà solo 2 punti dei 15 di distacco, consegnando la vittoria a Piacebaskin 55-68.

I biancorossi dovranno ripetersi in una prova ugualmente determinante che avrà luogo sabato 21 maggio, dove un’eventuale vittoria in gara2 garantirà loro di poter staccare il biglietto per la semifinale.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà