Assigeco, martedì alle 20.45 a Scafati in palio la finale contro Cantù

29 Maggio 2022

 

Con una delle partite più belle viste al Palabanca, l’Assigeco batte Scafati dopo due overtime e conquista gara 5 delle semifinali playoff di Serie A2. Gara entusiasmante, sugli scudi Devoe con 35 punti e un Gherardo Sabatini versione NBA. Coach Salieri si gioca il tutto per tutto partendo con il quintetto base composto da Sabatini play, Devoe, Gajic, Pascolo e Guariglia. Partenza a razzo per Sabatini, che con due canestri ribalta la tripla di Clarke, poi è però Monaldi che si prende la scena e segna il primo tentativo di fuga ospite sul 4-8. L’Assigeco si rifà sotto con Devoe e un libero di Pascolo, quindi ancora Devoe servito da Guariglia e sorpasso 9-8. Lo statunitense subisce fallo e non sbaglia i due liberi, i padroni di casa trovano un margine di tre lunghezze molto prezioso. La grande accelerazione di Daniel riporta Scafati a un punto di distanza, 16-15, Monaldi e Rossato centrano due triple consecutive che mandano il primo quarto sul 16-21. Si riparte, dentro Querci e Kohs per dare una scossa ai biancorossoblu, troppo fallosi però nei primi minuti e ne fa le spese lo stesso Querci sostituito con Bellan. Ci pensa Sabatini a prendersi un fallo a sua volta, segna però un solo libero per il 17-21. Non sbaglia nulla invece Cournooh dalla parte opposta, 17-23 e time out per un’Assigeco in difficoltà. Basta poco però per rimettere tutto in discussione, la tripla di Kohs fa esplodere il Palabanca. Lo imita Devoe e ora è parità, 23-23. Clarke riporta avanti i suoi, Mobio allunga 23-27, poi Cucci commette un fallo antisportivo che è come la manna per Pascolo, ancora parità 27-27. Si riaccende Devoe che firma il sorpasso, poi è super Sabatini per Bellan per il 32-29. Ancora Devoe per il + 7, ma è un fuoco di paglia perché altre due triple di Daniel e Monaldi valgono il 36-35, Cucci pareggia e proprio sulla sirena Daniel manda le squadre all’intervallo lungo sul 36-38. Terzo quarto che si sblocca con la tripla di Devoe, Assigeco di nuovo avanti, Pascolo trova anche il 41-38, triple di Cucci e Gajic e distanze invariate. La squadra di Salieri è più in partita ora rispetto agli avversari, Sabatini è ovunque e lo show è servito, 51-41 e tifosi in estasi. Rossi chiama il time out per riprendere un match che sta scappando, ma i suoi sbagliano troppo. Schiacciata di Gajic da applausi che risponde a Cucci, Mobio rosicchia qualcosa, ma Devoe è “on fire” e si va all’ultimo quarto con l’Assigeco che conduce 62-51. Nemmeno il tempo di ricominciare e Kohs va a segno da tre punti, che poi però commette fallo antisportivo, ingenuità che fortunatamente costano solo un punto. Scafati attacca a testa bassa, non ha alternative, sempre con tanto nervosismo e poca precisione. Riesce comunque a portarsi sul 66-59 e Salieri chiama time out. Clarke centra la tripla del 66-64, match che torna in equilibrio, ma è qui che entra in gioco Guariglia che con due magie manda i suoi sul 71-65. A 29 secondi dalla fine Cucci pesca la tripla del 71-71, si va all’overtime.

Devoe va a segno, poi le triple di Rossato e Monaldi sono pesanti come macigni, ma Sabatini non molla: è 75-77. Ancora Rossato da tre punti, ma Devoe e Sabatini trovano il pari 81-81. È ancora overtime, tripla di Sabatini e contropiede di Devoe, 88-86 fino all’ultima magia da lontano di Sabatini e i punti conclusivi di Kohs e Devoe. Ora la serie è sul 2-2, martedì sera alle ore 20.45 quinto e decisivo match valido per la finale con Cantù, sul campo di Scafati che ora fa meno paura.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà