Calcio notturno, musica e 300 persone in festa al torneo della miniera di Montechino

14 Giugno 2022

“Abbiamo passato diciotto ore di sport, allegria e festa e siamo orgogliosi di aver fatto conoscere il nostro piccolo paese a tanti giovani arrivati da tutta la provincia”. Sono le parole di Paolo Baffi, presidente della Proloco di Montechino, associazione di volontariato nata a inizio 2020 proprio con l’intento di promuovere le bellezze territoriali attraverso l’organizzazione di iniziative ed eventi.

Dalle 18.30 di sabato scorso, il campo sportivo di Montechino ha accolto 14 squadre che si sono affrontate per tutta la notte nei due campi da calcio a cinque preparati dai volontari della proloco insieme ai ragazzi degli Amatori Gropparello. Una notte di calcio, ma non solo; infatti gli organizzatori hanno realizzato una vera e propria festa con stand gastronomici, musica e piano bar: il tutto all’interno della meravigliosa cornice formata dalle colline della Val Riglio.

Dopo all’incirca diciotto ore di sport e divertimento, la prima edizione del Torneo della miniera di Montechino è andata al Real Union, squadra che – guidata dai gol di Giacomo Perazzi, eletto capocannoniere del torneo – ha battuto nella finalissima, disputata verso il mezzogiorno di domenica, i ragazzi del Personaliteam con il risultato di 2-1. “Siamo molto contenti – ha commentato Gabriele Marchioni, referente degli Amatori Gropparello – soprattutto perché abbiamo notato la felicità dei partecipanti. Noi non ci fermiamo e siamo già pronti a organizzare il torneo dei rioni per le ultime due settimane di luglio”.

Oltre ai premi conferiti alle prime tre squadre classificate, gli organizzatori hanno celebrato anche il miglior portiere del torneo, conferito a Michele Scacchi che ha avuto il merito di parare un rigore decisivo nella semifinale affrontata e vinta dal Personaliteam. Il miglior giocatore è andato ad Abdul Guebre che, con le sue giocate, ha portato Val Vezzeno (squadra rivelazione) fino alla semifinale persa contro i campioni del Real Union.

Ad arbitrare le oltre cinquanta partite disputate davanti a un folto pubblico Sandro LeccaAndrés Jaime e Santino Vallone ai quali vanno i ringraziamenti da parte degli organizzatori: “Sono ormai una certezza dei nostri eventi sportivi perché riescono a unire professionalità e leggerezza” sottolinea Marchioni. Matteo Sichel, del direttivo della Proloco tiene invece a ringraziare i tanti volontari che si sono impegnati nella preparazione e nella realizzazione del torneo: “Il volontariato nel nostro territorio è un valore aggiunto e grazie alla passione e al contributo di così tante persone – prima con la marcia organizzata a maggio e poi con le altre iniziative che abbiamo in programma – riusciremo a promuovere il nostro paese e con lui l’intero Comune”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà