Calcio femminile, incontro con sindaco e assessore per Asd Besurica Women

07 Ottobre 2022

Una squadra di calcio femminile di Piacenza e per Piacenza. Ecco che cosa vuole essere per il territorio locale l’Asd Besurica Women, che si sta ritagliando uno spazio importante e regalato ai tifosi il primo storico derby che si è giocato lo scorso 25 settembre a Caorso contro le Biancorosse.

Ora si attendono le prossime stracittadine, e l’amministrazione comunale è già pronta a seguirle dagli spalti. Ieri pomeriggio infatti l’Asd Besurica è stata accolta in Comune dal sindaco Katia Tarasconi e dall’assessore allo sport Mario Dadati: a rappresentare la società calcistica una delegazione della prima squadra e del settore giovanile, il direttore generale Maurizio Iandolo, la dirigente accompagnatrice Laetitia Odasso, le allenatrici Emanuela Maggi (Under 15), Barbara Bocchi (Under 12) e Giorgia Bedini (Under 10).

“Ragazze, siete importantissime per Piacenza – ha detto Tarasconi alle giocatrici – perché fate uno sport che sta crescendo sempre di più, ecco perché vi abbiamo accolto qui dopo le squadre di volley e di basket. Auguri per la stagione e ci vedremo il prossimo anno, ci racconterete com’è andata”.

Dadati si è segnato una data sul calendario, “quella del 27 novembre, quando ci sarà l’altro derby del campionato di Eccellenza, verremo a vedervi alla Besurica. Purtroppo ci sono solo due squadre di calcio femminile a Piacenza e sarà proprio nostra intenzione lavorare con le società per averne di più. Voglio invece dare un consiglio a voi, quando vi allenate non pensate al risultato della partita, ma a migliorarvi, perché poi arriva tutto di conseguenza”. Iandolo ha spiegato qual è la “mission” della società, arrivata ad avere oltre 100 giocatrici nel giro di un anno: “Vogliamo crescere, siamo una novità per questa città anche se il calcio femminile c’era già con il Piacenza Calcio, noi abbiamo assorbito parte di quelle ragazze per creare una realtà nuova e la nostra intenzione è ovviamente di continuare su questa strada.

Basti pensare che lo scorso anno avevamo 90 ragazze e adesso sono aumentate a 120. Non solo, continuiamo a ricevere chiamate di famiglie che vorrebbero far giocare le proprie figlie con noi, anche le piccole delle annate 2014 e 2013, sembra quasi che non stessero aspettando altro. Anche il settore giovanile sta dunque crescendo, non abbiamo strutture come le squadre professionistiche però il serbatoio è ottimo e l’obiettivo è non farle più scappare, qualcuna infatti prima veniva selezionata da realtà come il Parma e andava via, da quest’anno ci siamo messi in testa di rimanere a giocare nella nostra città”. Infine, un regalo alla sindaca Tarasconi, la maglia della Besurica Women con il numero 1.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà