La Lucchese elimina il “Fiorenzuola 2” solo ai rigori. Palo di Quaini

12 Ottobre 2022

Nicola Anelli con il massaggiatore della Lucchese, primo a soccorrere il giovane rossonero dopo l’infortunio

Il Fiorenzuola ha salutato la coppa Italia di serie C. I rossoneri, impegnati oggi nel recupero del match con la Lucchese, sospeso una settimana fa dopo il grave infortunio occorso a Nicola Anelli, sono stati eliminati al termine di una vera maratona: 0-0 dopo il tempi regolamentari, risultato che non si è sbloccato nemmeno ai tempi supplementari e poi calci di rigore che hanno premiato i toscani. Decisivo l’errore di Morello, il cui tiro è stato intercettato dall’estremo difensore ospite.

Una eliminazione che non intacca di certo l’umore dei valdardesi, primi in campionato e che, anche oggi, nonostante una formazione completamente rivoluzionata rispetto al consueto, hanno fornito prestazione di buona fattura. Anche i giovanissimi di Tabbiani hanno dimostrato di aver assimilato a dovere schemi e automatismi. Nella ripresa, dentro anche alcuni “big” come Quaini che, a un passo dal 90’, ha sfiorato il gol-qualificazione con uno straordinario calcio di punizione: pallone che si è stampato all’incrocio e dunque surplus di fatiche. Anche sul destro di Mamona un’occasione clamorosa, malamente sciupata.

Domenica prossima, al Comunale, Battaiola e soci saranno invece impegnati nella sfida all’Aquila Montevarchi: sarà caccia alla quinta vittoria consecutiva.

Nicola Anelli con il dirigente Luca Baldrighi

© Copyright 2023 Editoriale Libertà