Morra-Rizza, il Piace sorpassa la Triestina e riaccende le speranze

30 Novembre 2022

Fotoservizio Claudio Cavalli

Il Piacenza non sbaglia la gara che, in caso di ko, avrebbe probabilmente chiuso in anticipo le speranze di salvezza dei biancorossi. Hanno deciso le reti di Morra al 18’ della rirpesa e di Rizza in pieno recupero dopo un paio di chance da rete fallite: successo meritato, il secondo stagionale, al cospetto di una Triestina estremamente deludente e che subisce il sorpasso di Suljic e compagni. Ora si fa assai rischiosa la posizione di mister Pavanel che sembra a un passo dall’esonero.

Mister Scazzola passa al 442, ma in attacco, rispetto alle precedenti uscite c’è il ritorno di Cesarini che fa coppia con Morra. Palazzolo sostituisce lo squalificato Persia.

Gara di rara noia allo stadio Garilli il primo tempo termina sullo 0-0. Una partita condizionata dalla tensione e dalla pochezza tecnica di entrambe le squadre. Tanti errori e nessuna conclusione a rete nel corso di 45 minuti da dimenticare in fretta anche sotto il profilo della conduzione tattica: improvvisazione costante e zero spettacolo.

Cambia poco o nulla dopo l’intervallo, con i due tecnici che scelgono di confermare i 22 dell’avvio. Il Piace però, con il trascorrere dei minuti, acquisisce fiducia e sfiora il gol in due circostanze tra il 14’ e il 15’: prima è Gonzi a sprecare con un sinistro sbilenco da ottima posizione, dopodiché è Morra, sul cross da sinistra di Rizza, ad alzare incredibilmente la mira. Il centravanti si fa perdonare tre minuti più tardi: è di Munari l’iniziativa a destra che si chiude con un gran cross di sinistro sul quale Morra questa volta non può sbagliare. Un’incornata vincente pesantissima che stordisce una Triestina incapace di reagire. Il colpo del ko sembra cosa fatta poco prima della mezz’ora, ma sul traversone da destra di Suljic, la deviazione dal cuore dell’area piccola di Gonzi è da film horror: pallone sopra la traversa. Cesarini lascia il campo a dieci dal termine (toccato duro), ma il Piace è in controllo e le continue sostituzioni rompono il ritmo di una Triestina che non trova beneficio dall’ingresso di attaccanti freschi. In pieno recupero, coast to coast di Rizza prima del sinistro vincente valso il definitivo 2-0.

Per il Piace si riaccende la speranza e soprattutto c’è un ultimo posto nuovamente abbandonato e lasciato ai friulani. Domenica prossima di nuovo in campo, alle 14.30 è sfida sul campo della Pro Sesto.

PIACENZA-TRIESTINA 2-0
MARCATORI: Morra al 18′ e Rizza al 49′ s.t.
PIACENZA (4-4-2): Rinaldi; Masetti, Nava, Cosenza, Rizza; Munari (dal 42’ s.t. Frosinini), Suljic, Palazzolo (dal 40’ s.t. Nelli), Gonzi; Cesarini (dal 35’ s.t. Rossetti), Morra. (Anatrella, Vivenzio, Pezzola, Lamesta, Vianni, Conti, Capoferri, Onisa, Biancheri). All. Scazzola.
TRIESTINA (4-3-3): Mastrantonio; Ciofani, Di Gennaro (dal 35’ s.t. Lovisa), Rocchi, Sarzi Puttini (dal 35’ s.t. Ghislandi); Sabbione, Lollo (dal 23’ s.t. Adorante), Gori; Paganini, Ganz (dal 35’ s.t. Petrelli), Felici. (Pisseri, Pozzi, Galliani, Minesso, Iacovoni, Pellacani, Crimi). All. Pavanel.
Arbitro: Madonia di Palermo. Assistenti: Zanellati (Seregno) e Renzullo (Torre del Greco). Quarto uomo: Rodighiero (Vicenza).
NOTE: ammoniti Suljic, Lollo, Morra, Rocchi e Gori. Espulso Felici al 44’ s.t. Angoli 2-3.

CRONACA SECONDO TEMPO
Fase finale e grande confusione in campo. Tra sostituzioni ed errori, gara che ora lascia a desiderare sul piano tecnico. Il Piace sembra in controllo. Poco dopo il 36′, infortunio per Cesarini toccato duro: al suo posto Rossetti.

Al 29′, sul cross di Suljic, incredibile palla gol sprecata da Yuri Gonzi, il cui tocco di destro da meno di due metri, spedisce il pallone sopra la traversa.

Al 25′, nuovo tentativo del Piace: bravo Cesarini, spalle alla porta, a liberarsi al tiro dal limite dell’area di rigore. Sinistro troppo centrale per impensierire Mastrantonio. La Triestina per ora non ha abbozzato reazioni.

Al 18′ della ripresa, Piacenza in vantaggio: bella iniziativa a destra di Munari che, con il sinistro, crossa a centro area per l’incornata di Morra che, da due passi, mette a segno il quarto gol in campionato.

Dopo la chance sprecata da Gonzi, è stato Morra a mandare al macero un’opportunità enorme: fuga a sinistra di Rizza, cross a centro area ma, da due passi, Morra ha alzato la mira con un colpo di testa nemmeno troppo complicato.

Prima occasione dal gol della partita al 14′ della ripresa: servizio rasoterra di Morra per Gonzi che, dal cuore dell’area defilato a sinistra, ha sparato un sinistro violento ma molto impreciso: pallone in curva.

Di nuovo in campo Piacenza e Triestina dopo l’intervallo. Primo tempo senza emozioni, con le due squadre che non hanno praticamente mai trovato spazi per andare alla conclusione. Meglio la Triestina nella fase centrale, biancorossi che hanno provato ad alzare il baricentro nel finale di frazione, senza però riuscire ad avvicinare l’area di rigore friulana. Uno 0-0 di pura noia. Nessuna sostituzione operata dai due tecnici dopo il ritorno in campo.

PIACENZA-TRIESTINA 1-0
MARCATORE: Morra al 18′ s.t.
PIACENZA (3-5-2): Rinaldi; Nava, Cosenza, Masetti; Gonzi, Munari, Suljic, Palazzolo, Rizza; Cesarini, Morra. (Anatrella, Vivenzio, Rossetti, Pezzola, Nelli, Lamesta, Vianni, Conti, Capoferri, Onisa, Frosinini, Biancheri). All. Scazzola.
TRIESTINA (4-3-3): Mastrantonio; Ciofani, Di Gennaro, Rocchi, Sarzi Puttini; Sabbione, Lollo (dal 23′ s.t. Adorante), Gori; Paganini, Ganz, Felici. (Pisseri, Pozzi, Ghislandi, Galliani, Petrelli, Lovisa, Minesso, Iacovoni, Pellacani, Crimi). All. Pavanel.
Arbitro: Madonia di Palermo. Assistenti: Zanellati (Seregno) e Renzullo (Torre del Greco). Quarto uomo: Rodighiero (Vicenza).
NOTE: ammoniti Suljic, Lollo, Morra, Rocchi e Gori. Angoli 2-2.

CRONACA PRIMO TEMPO
Gara di rara noia allo stadio Garilli dove è terminato sullo 0-0 il primo tempo tra Piacenza e Triestina. Sfida salvezza del 16° turno del girone A di serie C condizionata dalla tensione e dalla pochezza tecnica che fino ad ora hanno palesato entrambe le squadre. Tanti errori e nessuna conclusione a rete nel corso di 45 minuti da dimenticare in fretta.

E’ la noia la grande protagonista allo stadio Garilli. Quaranta minuti di nulla tra Piacenza e Tristina con i due portieri che stanno assistendo alla delicatissima sfida tra le due formazioni che occupano gli ultimi posti della graduatoria del girone A di serie C.

Al 27′, affondo a sinistra di Felici che si è bevuto Cosenza, entrato in scivolata: l’attaccante friulano ha tentato la strada del violento tiro-cross, la retroguardia biancorossa ha liberato con qualche affanno.

Dopo 15 minuti di gioco, gara totalmente bloccata e che non fa registrare emozioni. Inoperosi i due portieri, Triestina che si fa preferire in fase di possesso, ma fino ad ora la tensione sta condizionando il match dello stadio Garilli.

Sono trascorsi dieci minuti allo stadio Garilli dove il risultato è fermo sullo 0-0: ancora nessuna occasione da rete, fino ad ora gara costellata da tanti errori e la tensione che sembra farla da padrone per entrambe le formazioni.

Sono in campo Piacenza e Triestina, al Garilli una leggera nebbia. I biancorossi sono in campo con la coppia Morra-Cesarini in attacco. Tra i friulani, Minesso parte dalla panchina.

© Copyright 2023 Editoriale Libertà