50 anni di Pooh in raccolta Le canzoni della nostra storia

18 Novembre 2020


(ANSA) – ROMA, 18 NOV – I Pooh sono saliti sul palco per l’ultima volta a dicembre 2016. L’ultimo concerto e l’addio al pubblico dopo 50 anni. Ma la storia dei Pooh continua ancora. Anche oggi, a distanza di pochi giorni dalla morte di Stefano D’Orazio. L’ultimo progetto, in uscita il 20 novembre e già pianificato da tempo, è “Le canzoni della nostra storia” (Tamata/Sony Music): una raccolta con le più belle canzoni del gruppo, dall’esordio nel 1996 fino allo scioglimento nel 2016. Un cofanetto da 4 cd con 72 brani e 3 Lp con 36 brani. La raccolta si apre con l’inedito “Meno male”, il primo provino in assoluto di “Tanta voglia di lei”: una versione diversa del brano nel titolo e nel testo da quello comparso poi nell’album Opera Prima del 1971. Alla realizzazione del progetto ha contribuito in maniera decisiva proprio D’Orazio. “Ha avuto un ruolo fondamentale – ha dichiarato Andrea Rosi, Presidente & Ceo di Sony Music Entertainment Italy -. D’altronde è sempre stata la ‘mente’ strategica del gruppo. La sua musica e le sue parole rimarranno per sempre. Questo disco è dedicato a lui”. Ma gli ormai ex Pooh non vivono solo di ricordi. Dodi Battaglia è al lavoro su un disco solista di inediti, in uscita nei primi mesi del 2021, di cui un assaggio è dato dal brano One Sky (Azzurra Music), inciso insieme al chitarrista americano Al Di Meola. E anche Riccardo Fogli, rientrato nel gruppo per la reunion, è tornato con una nuova versione di ‘Mondo’, il suo primo successo da solista del 1976: ‘Mondo 2020 – Sono un uomo che ha vissuto’, in uscita il 27 novembre, con un ospite d’eccezione: l’amico di sempre Dodi Battaglia alla chitarra elettrica. Red Canzian è al lavoro per portare in scena Casanova – opera pop, uno spettacolo dedicato al veneziano. Roby Facchinetti, invece, ha pubblicato il 25 settembre l’album dal vivo “Inseguendo la mia musica” (Sony Music), da cui è stato estratto nei giorni scorsi “Io e te per altri giorni”. (ANSA).

© Copyright 2021 Editoriale Libertà