Bellomo: pm Piacenza chiedono 3 anni e 4 mesi

03 Settembre 2020


(ANSA) – BOLOGNA, 03 SET – La Procura di Piacenza ha chiesto una condanna a tre anni e quattro mesi per l’ex consigliere di Stato Francesco Bellomo, a processo in abbreviato per stalking e lesioni ai danni di una giovane partecipante alla scuola di formazione ‘Diritto e Scienza’. La ragazza sarebbe stata insultata, minacciata e sottoposta a interrogatori, anche incrociati, sulla vita sessuale. Il pm Emilio Pisante e il procuratore Grazia Pradella hanno chiesto anche un anno e quattro mesi per il coimputato, l’ex pm di Rovigo Davide Nalin. Si tratta del primo processo a Bellomo che si avvicina alla sentenza, prevista in una prossima udienza, dopo le arringhe dei difensori degli imputati, il professor Vittorio Manes e l’avvocato Beniamino Migliucci. L’ex giudice è coinvolto anche in un’inchiesta a Bari per casi di aspiranti giudici in minigonna, obbligate a sottostare al ‘dress-code’ e alle regole e richieste del direttore del corso ‘Diritto e Scienza Agli atti del processo piacentino ci sono i racconti della giovane borsista che, secondo la ricostruzione accusatoria, ha subito un “addestramento” che l’ha coinvolta in modo totalizzante. Ha dovuto seguire un rigido codice, tra cui il divieto di sposarsi pena la decadenza della borsa, con la richiesta di una tabella con indicazione di luoghi, frequenza e modalità con riguardo alla vita sessuali. Con insulti per il ‘basso punteggio algoritmico’ registrato dagli ex fidanzati, almeno secondo le aspettative degli imputati. La giovane, prima dell’inizio dell’udienza preliminare, aveva ritirato la denuncia-querela e non è costituita in giudizio. (ANSA).

© Copyright 2021 Editoriale Libertà