Betori ‘illumina’ Firenze con cero Duomo

12 Aprile 2020

(ANSA) – FIRENZE, 12 APR – E’ stato lo stesso cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, a portare stamani, dall’altare della Cattedrale al sagrato del Duomo, al momento del Gloria, il cero pasquale per ‘illuminare’ Firenze. Un gesto voluto dallo stesso cardinale per non privare la città “del significato dell’evento dello Scoppio del Carro”, storica rievocazione fiorentina, tramandata da oltre 9 secoli, per ripercorrere le gesta dei fiorentini alle Crociate, annullata per l’emergenza da Coronavirus. Ad attendere il cardinale sul sagrato il sindaco di Firenze Dario Nardella che poi è entrato a sua volta in Duomo dove erano presenti anche il prefetto Laura Lega e il presidente dell’Opera del Duomo Luca Bagnoli. “La luce del fuoco benedetto c’è, e ci sarà sempre – ha detto Betori – ed è la fiamma del Cero pasquale”. L’aver poi avuto accanto il sindaco ha significato che “tutta la città condivide il messaggio di speranza racchiuso in quell’esile fiamma”, credenti e non.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà