Clima: raduno anti governo Gb, picchetto a Westminster

03 Settembre 2020


(ANSA) – LONDRA, 3 SET – Sale di tono la nuova protesta in corso da alcuni giorni a Londra da parte degli ambientalisti radicali di Extinction Rebellion, che denunciano la politica del governo britannico – ritenuta insufficiente – contro la minaccia dei cambiamenti climatici. Alcuni attivisti sono riusciti oggi a scavalcare le transenne sorvegliate da agenti armati di polizia nei dintorni del Parlamento di Westminster e si sono incollati all’asfalto, bloccando fra l’altro l’accesso al traffico di una delle strade che confluiscono verso Parliament Square, prima di essere rimossi dalla forza pubblica. I manifestanti, che secondo la polizia hanno violato le regole fissate per il raduno, chiedono al governo Tory di Boris Johnson di proclamare lo stato di “emergenza ecologica” in relazione alla questione del clima. In un’iniziativa separata di un gruppo alleato, svolta sotto le insegne di Animal Rebellion, un camion dipinto di rosa è stato poi parcheggiato in mezzo alla strada vicino a Victoria Station. Gli attivisti sostengono che un maggior impegno contro le minacce ambientali potrà mitigare in futuro anche il rischio di nuove pandemie tipo coronavirus. Fermi sono in corso da parte di Scotland Yard, che negli ultimi due giorni ha già arrestato circa 250 militanti di Extinction Rebellion, poi in parte rilasciati.(ANSA).

© Copyright 2021 Editoriale Libertà