Manovra: Meloni, sinistra vuole dividerci ma c.destra è unito

23 Novembre 2020


(ANSA) – ROMA, 23 NOV – “Fin dall’inizio dell’emergenza Covid, Fratelli d’Italia ha presentato le sue proposte concrete per aiutare famiglie e imprese e ha sempre risposto agli appelli del Presidente della Repubblica Mattarella, che hanno richiamato il Governo e le forze politiche alla collaborazione e al dialogo. Abbiamo la coscienza a posto e lo dimostrano gli oltre duemila emendamenti che il nostro movimento ha presentato ai decreti economici del governo, tutti bocciati dalla maggioranza o decaduti per l’apposizione del voto di fiducia. Abbiamo rinnovato la nostra collaborazione presentando in conferenza stampa, poco più di dieci giorni fa, 5 priorità su cui intervenire: dai ristori per tutte le attività che hanno avuto un calo del fatturato superiore al 33% ad un sistema unico di ammortizzatori sociali calcolato anche per gli autonomi, passando per un intervento sui costi fissi delle imprese e al pacchetto per la continuità d’impresa, con taglio Irap e dimezzamento IVA e contributi. Dal Governo e dalle forze di maggioranza nessun risposta”. Lo afferma la leader do Fdi Giorgia Meloni. “Curiosamente, però – prosegue – il PD e il M5S sono diventati particolarmente loquaci quando a presentare proposte sostanzialmente simili è stato un altro partito di centrodestra. Anche oggi sulla stampa abbiamo letto interviste a esponenti di primo piano del Pd e dei Cinquestelle, che ribadiscono lo stesso concetto ed escludono FdI dal confronto. Il gioco è chiaro: l’obiettivo della sinistra non è occuparsi dei problemi degli italiani ma usare ogni pretesto per tentare di dividerci. Non ci riusciranno: il centrodestra è unito e compatto e lavorerà a una proposta comune sulla legge di bilancio. Sfideremo in Parlamento la maggioranza e vedremo se, dietro le interviste e gli annunci a favore di telecamera, c’è una reale volontà di collaborare o se siamo davanti all’ennesimo bluff”. (ANSA).

© Copyright 2021 Editoriale Libertà